Skip to content

Approccio sperimentale alla stima dell'incertezza di misura nelle analisi microbiologiche quantitative

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Crotta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Scienze e tecnologie zootecniche e delle produzioni animali
  Relatore: Maria Antonietta  Paleari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

La normativa UNI EN ISO 7218:2007 “microbiologia degli alimenti e dei mangimi – requisiti generali e di orientamento per gli esami microbiologici” descrive i requisiti tecnici in accordo all’appendice B della UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura”.
Fornisce infatti indicazioni utili al fine di condurre le prove analitiche, dai requisiti dei laboratori, alla gestione del campione al ricevimento fino all’emissione del rapporto di prova, all’igiene del personale ed alle precauzioni necessarie per evitare la contaminazione dell’ambiente.
Rappresenta quindi uno strumento tecnico che costituisce la base di tutti i metodi microbiologici relativi ai germi patogeni o indicatori, ai fini di armonizzare le pratiche di un laboratorio che esegue analisi microbiologiche su matrici alimentari.
La normativa in oggetto, negli ultimi anni è stata sottoposta ad una nuova e profonda revisione di aggiornamento alla luce di tutte le procedure necessarie per arrivare all’accreditamento dei laboratori.
La nuova versione della precedente UNI EN ISO 7218:1996 ha reso la norma orizzontale e di ampia portata per quanto riguarda i microrganismi, trovando applicazione per batteri, lieviti e muffe.
Per quanto riguarda le matrici da sottoporre ad analisi, la normativa si applica alla microbiologia degli alimenti e dei mangimi zootecnici nonché agli ambienti di produzione primaria (allevamenti).
Rispetto all’edizione del 1996, sono stati aggiunti due punti molto importanti, da un lato, coprono la validazione dei metodi, dall’altro l’assicurazione della qualità dei risultati e il controllo della qualità delle prestazioni del laboratorio.
Nel primo caso, la normativa coinvolge una seconda norma: UNI EN ISO 16140 “microbiologia di alimenti e mangimi animali – protocollo per la validazione di metodi alternativi” che descrive le procedure per validare metodiche alternative .
Per quanto riguarda il secondo elemento di novità, la nuova edizione prevede che si considerino tre aspetti:
1. controllo qualità interno
2. conservazione dei ceppi di riferimento
3. valutazione della qualità esterna o proficency test
in particolare per il primo punto, si sottolinea l’importanza che un laboratorio applichi tutte le procedure utili a dimostrare che la variabilità tra i risultati ottenuti sia sotto controllo.
In proposito, la UNI EN ISO 7218:2007 modifica in modo radicale il metodo di calcolo ed espressione dei risultati ottenuti, rimandando alla normativa ISO/TS 19036:2006 “ microbiologia degli alimenti e dei mangimi - linee guida per la stima della incertezza di misura per le determinazioni quantitative” per la determinazione dell’incertezza di misura associata alle prove microbiologiche quantitative.
Durante il mio periodo di tirocinio presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna (sezione diagnostica di Bergamo), sono stato coinvolto nel programma di aggiornamento di diverse procedure generali interne in seguito alla pubblicazione della terza edizione della UNI EN ISO 7218.
L’aggiornamento della UNI EN ISO 7218:2007 e la conseguente redazione di un primo protocollo sperimentale in applicazione della ISO/TS 19036:2006 sono quindi oggetto della presente tesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA La fiducia nella competenza dei laboratori di prova e/o di misura è un aspetto indispensabile in ambito commerciale, per esempio, il laboratorio è chiamato ad esaminare nuovi prodotti, verificare che i prodotti finiti siano adatti alla vendita o assicurare i prodotti importati prima che possano essere immessi sul mercato. Parallelamente, si devono considerare la qualità e l’affidabilità delle prove e delle analisi relative all’ambiente, alla salute ed ai pericoli per la sicurezza alimentare. I laboratori di prova e/o taratura, sono quindi chiamati a soddisfare una serie di requisiti al fine di dimostrare ai clienti e ai funzionari di controllo che essi possiedono un corretto sistema di gestione che gli consente un pieno e costante monitoraggio dei loro processi, sono tecnicamente competenti, e capaci di generare risultati tecnicamente validi. Le normative ISO (International Orgaziation for Standardization) nascono, in proposito, con l’intento di fornire alle aziende di ogni settore i parametri con cui uniformarsi per l’attuazione di un sistema qualità che recepisce l’inscindibilità del binomio “qualità prodotto/servizio e qualità dei processi tecnico organizzativi”. Nel caso specifico, considerando un laboratorio microbiologico, l’accreditamento facilita la cooperazione tra laboratori e altri organismi, lo scambio di informazioni e di esperienze nonché l’armonizzazione di norme e procedure. Consideriamo inoltre che la sicurezza alimentare poggia in misura considerevole sull’analisi microbiologica e la serietà con cui questa viene condotta diviene un parametro di fiducia essenziale per il consumatore. La UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005 “Requisiti generali per la competenza dei laboratori di prova e di taratura”, è la normativa alla quale un laboratorio deve fare riferimento per ottenere l’accreditamento (approvazione, strumento di garanzia e promozione della qualità) da parte degli appositi enti di controllo. III

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi
certificazione
deviazione standard
incertezza
laboratorio
microbiologiche
proficency test
qualità
quantitative
ripetibilità
riproducibilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi