Skip to content

La protezione degli investimenti nel diritto internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Dario D'alessandro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giorgio Badiali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

La crescita degli IDE negli ultimi decenni, il ruolo che ricoprono nel processo di globalizzazione e la loro centralità nelle attuali politiche di sviluppo rendono il regime internazionale di queste operazioni un campo privilegiato per vagliare come l’ordinamento giuridico internazionale interagisca con il processo di globalizzazione e con le trasformazioni che questo comporta nella struttura delle relazioni economiche e nelle attitudini degli attori internazionali.
In quest’ottica il lavoro ha prestato attenzione all’evoluzione, nell’ultimo quarto del XX secolo, dell’insieme di norme e principi aventi per oggetto il trattamento e la protezione delle operazioni di IDE dal c.d. rischio politico attraverso l’imposizione di obblighi di comportamento allo Stato ospite.
In primo luogo si è ricercata una definizione giuridica di queste operazioni economiche. A questo scopo si è posta attenzione, nell’assenza di norme generali significative, alle definizioni adottate negli strumenti convenzionali. In questi l’investimento viene in luce come operazione, spesso complessa, caratterizzata dall’impiego durevole di risorse, dall’assunzione di un rischio e dal contributo allo sviluppo del paese ospite, mentre non è richiesta espressamente la partecipazione alla gestione che pure distingue, sul piano economico, l’investimento diretto dall’investimento di portafoglio.
Si è successivamente operata una ricognizione delle norme consuetudinarie applicabili alla materia confrontandole con le soluzioni rinvenibili nei numerosi strumenti convenzionali (bilaterali e plurilaterali) adottati nell’ultimo ventennio.
In termini generali, l’evoluzione prodottasi nella materia si è mossa, al fine di promuovere la realizzazione di operazioni di IDE, nella direzione di un rafforzamento delle garanzie offerte agli operatori economici transnazionali attraverso il superamento delle controversie che avevano caratterizzato la materia nel corso degli anni settanta. Tale evoluzione, si è principalmente basata sull’adozione di strumenti bilaterali ad hoc e si caratterizza per l’attribuzione di diritti immediatamente agli operatori economici.
Alle controversie sul contenuto del consuetudinario minimum standard di trattamento ha fatto luogo l’affermarsi di standards convenzionali (nazionale, most favoured nation, giusto ed equo) che risultano spesso combinati tra di loro e che meglio rispondono alle esigenze di tutela degli operatori economici. Ad essi si affiancano più specifici obblighi di trattamento inerenti alle materie centrali nella conduzione dell’investimento ed alle attività correlate all’investimento perchè accessorie al suo svolgimento.
In tema di garanzie nei confronti di espropriazioni da parte dello Stato ospite è significativo che gli strumenti convenzionali facciano di frequente riferimento alle c.d. espropriazioni de facto, misure che non hanno come oggetto o scopo la deliberata privazione dell’investitore dei diritti patrimoniali collegati all’operazione di investimento, ma che, nel loro combinarsi nelle circostanze del caso, producono un effetto sostanzialmente equivalente svuotando di valore l’investimento.
Gli strumenti convenzionali innovano anche rispetto al quantum dell’indennizzo dovuto a fronte di un’espropriazione. L’indennizzo viene indicato come “adeguato” o “pieno” (adequate; full) con riferimento al valore di mercato dell’investimento prima che divenisse pubblica l’intenzione di espropriarlo. Rispetto al quomodo la gran parte degli accordi richiede che il pagamento dell’indennizzo sia senza indebito ritardo, pienamente realizzabile, in valuta convertibile e liberamente trasferibile.
Gli elementi di maggiore innovazione presenti nella pratica convenzionale si rinvengono, però, nelle procedure di risoluzione delle controversie e sono volti ad evitare i rischi di arbitrarietà e di “politicizzazione” della controversia insiti nel tradizionale istituto della protezione diplomatica, collocandosi nella direzione auspicata dalla CIG nel caso della Barcelona Traction ltd.(1970). Si registra così l’affermarsi di clausole che conferiscono all’investitore la possibilità di agire personalmente davanti ad organi giudiziari estranei all’organizzazione giudiziaria statuale per far valere una violazione degli obblighi internazionali convenzionalmente assunti dallo Stato ospite mediante il ricorso a procedure di livello internazionale che lo esimono, almeno in un primo momento, dalla necessità di richiedere l’aleatorio intervento del proprio Stato d’origine offrendogli al contempo una garanzia di imparzialità.
In un'ampia prassi è possibile individuare alcuni elementi comuni che indicano delle linee di tendenza....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Introduzione. SOMMARIO: 1. Note introduttive. -1.1. Il processo di globalizzazione e gli investimenti diretti all’estero. -1.2. Gli attori internazionali: le imprese multinazionali e gli Stati. -2. La definizione dell’IDE. -2.1. La nozione economica. -2.2. Una definizione giuridica? 1. Note introduttive. Il mondo contemporaneo va verso la globalizzazione. L’asserzione, che ha quasi la forza del luogo comune, tende a porsi quale paradigma 1 interpretativo in sostituzione delle svanite contrapposizioni Ovest-Est e Nord-Sud che avevano caratterizzato il pensiero, non solo occidentale, nei decenni successivi alla seconda guerra mondiale 2 . Il termine globalizzazione (globalization, mondialisation) fa riferimento ad un processo che trova la propria origine nelle trasformazioni della struttura economica internazionale, già avviatesi nell’immediato dopoguerra ed ulteriormente intensificatesi nel corso dell’ultimo quindicennio, ed investe anche altri, molteplici, campi dell’esperienza umana. Il diritto internazionale, quale fenomeno di regolazione sociale della comunità internazionale, interagisce con questo processo instaurando con esso un duplice rapporto. Da un lato riflette i cambiamenti indotti da questo processo, poiché le modificazioni della struttura delle relazioni economiche internazionali incidono sulla struttura complessiva della comunità internazionale ed influenzano, attraverso la 1 Per “paradigma” si intende un concetto largamente condiviso che costituisce, al tempo stesso, (a) la percezione e l’interpretazione dominanti della situazione complessiva, (b) un criterio per la condotta adeguata, (c) un punto di riferimento per il dibattito sull’azione politica controversa e per i processi di interpretazione ed applicazione delle norme giuridiche; un paradigma è determinato in parte da una situazione oggettiva ed in parte dalle percezioni e dalle attitudini culturali ed ideologiche. In questo senso v. T.H. WAELDE, A Requiem for the “New International Economic Order: The Rise and Fall of Paradigms in International Economic Law, in Liber Amicorum Professor I. Seidl-Hohenveldern, The Hague, 1998, pg. 774 e 800; G. ABI-SAAB, La souveraineté sur les ressources naturelles, in Droit International, Bilan et Perspectives, (ed. M. BEDJAOUI), Paris, 1991, pg. 663. 2 per un’ipotesi completamente diversa e che presta prevalente attenzione alle rappresentazioni - nel significato antropologico - della politica mondiale si veda C. GEERTZ, Mondo globale, mondi locali, 1999, Bologna, pg. 14, secondo il quale l’abbandono di un mondo di potenze compatte e di blocchi rivali ha prodotto una generale impressione di instabilità ed insicurezza senza lasciar affiorare l’immagine di un nuovo ordine: “Le simmetrie del terrore delineatesi nell’era post-bellica si sono dissolte ed a noi non restano che i loro frammenti [….] il mondo è trasformato in un patchwork onnipresente con il quale dobbiamo fare i conti.“

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi