Skip to content

Il mercato dell’arte contemporanea e le fiere di settore: il caso MiArt

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Addonizio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Shane Niall  O’Higgins
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Molti sostengono che l’arte oggi si sia ridotta a mimesi indistinta del mondo mercantile, senza speranza. Paul Virilio e Jean Baudrillard, per esempio, hanno affermato che l’arte contemporanea è il nulla, è un bluff, o che quella di oggi è l’arte dell’abiezione e dell’amputazione. Nel mio lavoro di tesi ho voluto analizzare proprio il mercato dell’arte contemporanea, che nonostante venga considerata una pseudo-arte, ha un mercato vivo e complesso più che mai.
L’analisi parte da una doverosa lettura in chiave economica dell’arte: infatti, la riscoperta dell’importanza della varietà nei consumi e dell’eterogeneità nei prodotti, oltre al fascino suscitato dall’argomento in sé, hanno progressivamente condotto allo sviluppo di una nuova specializzazione dell’economia detta, per l’appunto, economia dell’arte. In questa direzione è stato indirizzato il primo capitolo, che si è focalizzato sui vari aspetti economici, quali i beni e i servizi d’arte, la domanda, l’offerta e il prezzo delle opere d’arte.
Il secondo capitolo ha analizzato un elemento del cosiddetto “triangolo” dell’economia dell’arte, ovvero il mercato. In particolare ci si è interessati al mercato dell’arte contemporanea e al valore delle opere che rientrano in questo campo. Il termine “arte contemporanea” comprende tutta l’area delle ricerche più attuali: dunque, in essa è forte la spinta al continuo rinnovamento, alla ricerca frenetica della novità come superamento delle tendenze precedenti, ma tutto questo è ormai perfettamente funzionale alla dinamica sempre più accelerata del mercato artistico. È in rapporto a questa evoluzione che si è cominciato a parlare di “sistema dell’arte contemporanea”, con un’accezione più commerciale rispetto a definizioni come “mondo dell’arte” oppure “ambiente artistico”, e che comprende, quindi, anche i collezionisti e le strutture di vendita, quali gallerie, case d’asta e fiere d’arte.
Il terzo capitolo ha analizzato proprio quest’ultimo tipo di struttura: la fiera d’arte. Le gallerie rimangono i luoghi dove vengono concluse la maggior parte delle vendite, ma le fiere diventano punti d’interesse particolare e rilevano una maggiore affluenza di visitatori di anno in anno. Come per il capitolo precedente, si è prestata attenzione all’arte contemporanea e quindi, nel corso del capitolo, ci si è focalizzati sulle fiere d’arte contemporanea e in particolare su una giovane fiera italiana che è progressivamente cresciuta e migliorata negli anni: la MiArt, la Fiera Internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano, giunta quest’anno alla tredicesima edizione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I L’ECONOMIA DELL’ARTE Da molto tempo committenti e collezionisti seguono ragionamenti economici per arricchire le proprie collezioni di nuove opere d’arte. L’interesse degli economisti per l’arte è invece più recente, sia perché la nascita della moderna economia politica è essa stessa recente – il 1776, con la pubblicazione della Ricchezza delle nazioni di Adam Smith – sia perché l’analisi economica viene rivolta alla produzione di massa. Nelle esposizioni degli economisti classici, allora, il mercato dell’arte è visto come un’eccezione nel funzionamento delle moderne economie industriali. Tuttavia la riscoperta dell’importanza della varietà nei consumi e dell’eterogeneità nei prodotti, oltre al fascino suscitato dall’argomento in sé, hanno progressivamente condotto allo sviluppo di una nuova specializzazione dell’economia detta, per l’appunto, economia dell’arte. 1.1 Gli aspetti economici dell’arte L’arte è un’attività con innumerevoli riflessi economici. Ma, mentre gli aspetti economici dell’arte sono analizzabili attraverso le categorie tipiche dell’economia (prezzo, qualità, domanda, offerta, ecc.), l’analisi dei fenomeni artistici richiede categorie specifiche; infatti il valore artistico di un dipinto potrebbe non essere legato al suo valore economico. Un tema inevitabile dell’economie dell’arte è, allora, quello del rapporto tra la sfera economica e quella artistica. La trattazione congiunta di questi problemi identifica i contenuti dell’economia dell’arte, per alcuni una denominazione utile e affascinante, per altri irrilevante e quasi blasfema, a seconda che si ritenga o meno il valore economico connesso al valore artistico. Quindi, l’approccio economico ai problemi dell’arte solleva alcuni temi fondamentali, quali la relazione tra questi due valori, l’efficienza del mercato dell’arte e la relazione tra l’organizzazione mercantile e la creatività. Nel mondo dell’arte operano l’artista, il critico (o in generale i gatekeeper) e il mercato (vedi figura 1.1.). I gatekeeper sono degli agenti ai quali si riconosce un ruolo guida nella valutazione del merito artistico e, spesso, monetario. Possono essere professionisti o dilettanti: nel primo gruppo rientrano i critici che valutano il bene o servizio artistico e formulano pubblicamente il loro giudizio; il 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte contemporanea
economia dell'arte
fiere
fiere d'arte
mercato dell'arte
miart

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi