Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo di "teaching-dog" per la risoluzione di problemi di aggressività intraspecifica del cane

I fenomeni aggressivi tra cani sono un argomento di fondamentale interesse nell’ambito della gestione e risoluzione di tali problemi da parte dei proprietari.
Il “Metodo di cooperazione tra specie”, proposto in questo Project-work, si pone come obbiettivo quello di insegnare, o restituire, al cane le competenze sociali necessarie a una corretta interazione con i suoi simili. Tale metodo si avvale dell’utilizzo di particolari cani insegnati chiamati “Teaching-dog”.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo 1 LA COMUNICAZIONE ANIMALE 1.1 Introduzione La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) non è soltanto un processo di trasmissione di informazioni. In italiano, il termine "comunicazione" ha il significato semantico di "far conoscere", "rendere noto". Nel regno animale la comunicazione comprende l’emissione e la ricezione da parte di individui differenti di segnali di tipo chimico e fisico. Per far sì che la comunicazione avvenga è necessario che ci sia un emittente, un ricevente. L’emittente sotto l’influenza di diversi tipi di stimoli produce un segnale che verrà colto dal ricevente il quale una volta elaborato il segnale subirà dei cambiamenti interni che condizioneranno i cambiamenti esterni (Frings, 1971). Tale risposta potrà essere sia di tipo comportamentale, e quindi diretta, sia fisiologia – ormonale, rinviata o ritardata. (Dehasse, 1993) Affinché si possa parlare di comunicazione, non è necessaria la presenza di un animale che possa rispondere, l’unica cosa fondamentale è che, qualora il segnale sia recepito, provocherà nel ricevente una risposta (Mariti, 2009). Ogni specie animale possiede una categoria di segnali che hanno valore comunicativo, la cui analisi si articola su diversi elementi: ξ La semantica, cioè il significato dei segni; ξ La pragmatica, cioè l’obbiettivo del segno; ξ La sintassi, cioè il modo in cui i segni sono uniti tra loro; ξ La mediatica, cioè i canali attraverso cui viene trasmesso il segnale.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina Veterinaria

Autore: Tommaso Di Gregorio Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1527 click dal 16/12/2010.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.