Skip to content

Cultura ed emozioni

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Meneghetti
  Tipo: Diploma di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Mario Forzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

Lo scopo di questa tesi è quello di esplorare in che modo la cultura, intesa in senso antropologico, plasmi la vita emotiva dei suoi membri; rientra dunque in quel filone della psicologia sociale chiamato psicologia culturale o trans-culturale. Il lavoro è costituito da tre macro parti: la prima esplora che cosa sono le emozioni e la loro funzione seguendo varie teorie, e che rapporto hanno con il cervello; la seconda parte cerca di definire cosa sia la cultura; ed infine la terza rappresenta una revisione delle conoscenze della psicologia generale attraverso un’ottica culturale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’idea che sta alla base di questo lavoro è fiorita nella mia mente quasi per caso. Una sera, leggendo Emozioni, la scienza del sentimento di Dylan Evans sono stato colpito dal seguente passaggio in cui l’autore racconta di una sua esperienza personale: “[…]Quando avevo quindici anni, alcuni miei amici mi invitarono a far parte della loro band punk rock.[…] Tim mi disse quanto era contento che io fossi entrato nella band. Ricordo ancora benissimo l’intensa reazione che quell’apprezzamento provocò in me: un’onda di calore che mi partiva dallo stomaco salì rapidamente ad avvolgermi tutto il petto. Era una sorta di gioia, ma diversa da tutte le altre mai provate. Era la sensazione di essere accettato, di appartenere a un gruppo di persone che mi stimavano e che ero fiero di considerare mie amiche. Per un momento rimasi senza parole, colpito dalla novità della sensazione[…]”. (Evans, 2001, tr. it., p. 3) Io stesso devo dire di essere stato preda di una simile emozione, ma non è questo il motivo che ha dato il via a questo lavoro. Io ed Evans non siamo (ovviamente) i soli ad avere sperimentato questa particolare emozione. Ogni fine settimana, milioni di tifosi di calcio e di fedeli praticanti sembrano sentire qualcosa di simile. Eppure, né in inglese, né in italiano, né in nessun’altra lingua occidentale esiste un unico termine per descrivere questa sensazione, per descriverla bisogna infatti ricorrere a un giro di parole, come fa Evans. Questa parola esiste, a quanto pare, in Giappone. Il termine amae indica proprio quella sorta di “contentezza per la totale accettazione da parte di un altro”. Ma perché non esiste nella nostra lingua un corrispondente di amae? Qualunque sia la ragione di questa particolare differenza tra le lingue, essa non indica alcuna differenza fondamentale tra i popoli. In quanto parlante la mia lingua, io non dispongo di un termine preciso per indicare l’emozione che provai, ma questo fatto non mi impedì di provarla. I modi diversi in cui le varie lingue sezionano il mondo riflettono diverse esigenze culturali. Forse i giapponesi hanno bisogno di una parola come amae perché l’emozione che essa descrive è in accordo con i valori fondamentali della cultura del Giappone. Se l’amae è virtualmente avvertita in tutto il mondo, ma non tutte le persone che la sentono hanno una parola per descriverla, ciò non vale per tutte le emozioni. A quel che sembra, alcune di esse sono davvero specifiche di una cultura. Per esempio, i Gururumba della Nuova Guinea avvertono un tipo di emozione che non sembra sperimentata da gente di altre culture, traducendo dalla loro lingua la si potrebbe chiamare “essere un maiale selvatico”, perché coloro che la avvertono si comportano come tali: si aggirano furibondi facendo man bassa di oggetti di poco valore e aggredendo gli astanti. Questi fatti mi hanno lasciato letteralmente sconcertato. Com’è possibile che alcuni gruppi di persone nel mondo provino emozioni ad altre precluse? Perché, invece, emozioni che sono relativamente comuni a molte persone, come l’amae, hanno una parola per indicarle soltanto nella lingua Giapponese e non in tutte? A cosa è dovuta tutta questa variazione nel campo dell’emotività, se tutti gli esseri umani hanno lo stesso sistema nervoso, che, nei soggetti sani, funziona nella stessa maniera in ogni parte del mondo? 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cultura
emozioni
psicologia
psicologia culturale
psicologia sociale
psicologia trans-culturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi