Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi sul comportamento dei pali FDP (Full Displacement Pile)

Scopo della seguente tesi è lo studio del comportamento di una tecnologia innovativa di realizzazione di pali di fondazione.
Tale tecnologia prende il nome di Full Displacement Pile (acronimo FDP) ovvero pali a spostamento laterale, utilizzati per interventi di fondazione e di consolidamento. Tale tecnica, si propone come una valida alternativa ai classici pali trivellati o pali ad elica continua CFA.
Nella prima fase della tesi sono state analizzate le curve carico – cedimento dei pali soggetti alla prova di carico.
In letteratura sono disponibili alcuni metodi che consentono il calcolo della capacità ultima del palo ed il tracciamento della curva carico-cedimento.
Attraverso l’uso del software Apile Ensoft che implementa tali metodi, noto il profilo stratigrafico e le caratteristiche geotecniche dei terreni attraversati, di ricostruire per tutti i pali analizzati la curva carico – cedimento desunta dalla prova di carico.
Questo si ottiene variando i parametri k ed Nq degli strati incoerenti, andando così alla ricerca dei valori di quei parametri (appunto, k ed Nq) caratteristici per questo tipo di pali.
Per alcuni pali si è fatto uso del programma Shaft Ensoft, poiché manifestavano comportamenti, in termini di curva carico-cedimento, tipici di pali trivellati.
Nella seconda parte della tesi, una volta ricostruita la curva carico-cedimento facendo uso dei due software, si è cercato di capire se esiste una correlazione tra l’attrito laterale per unità di superficie e la resistenza di punta forniti dai programmi stessi, con la resistenza laterale fs e di punta qc delle prove penetrometriche statiche.
In letteratura sono disponibili relazioni che consentono di calcolare la capacità portante totale di un palo avendo a disposizione dati delle prove penetrometriche CPT, sia per pali battuti sia per pali trivellati. È stato quindi possibile un confronto tra le relazioni così ottenute e le relazioni disponibili in letteratura.
Nella terza fase della tesi, infine, avendo a disposizione l’output della macchina FDP riportante i valori del parametro α(Penetration Resistance),di tiro e di torsione in funzione della profondità raggiunta dall’utensile, attraverso semplici modelli, si è cercato di legare questi parametri con i valori ancora di qc ed fs delle prove CPT e CPTU.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione Pagina 1 Capitolo 1 INTRODUZIONE Scopo della seguente tesi è lo studio del comportamento di una tecnologia innovativa di realizzazione di pali di fondazione. Tale tecnologia prende il nome di Full Displacement Pile (acronimo FDP) ovvero pali a spostamento laterale, utilizzati per interventi di fondazione e di consolidamento. Tale tecnica, si propone come una valida alternativa ai classici pali trivellati o pali ad elica continua CFA. Nella prima fase della tesi sono state analizzate le curve carico – cedimento dei pali soggetti alla prova di carico. In letteratura sono disponibili alcuni metodi che consentono il calcolo della capacità ultima del palo ed il tracciamento della curva carico-cedimento. Attraverso l’uso del software Apile Ensoft che implementa tali metodi, noto il profilo stratigrafico e le caratteristiche geotecniche dei terreni attraversati, di ricostruire per tutti i pali analizzati la curva carico – cedimento desunta dalla prova di carico. Questo si ottiene variando i parametri k ed Nq degli strati incoerenti, andando così alla ricerca dei valori di quei parametri (appunto, k ed Nq) caratteristici per questo tipo di pali. Per alcuni pali si è fatto uso del programma Shaft Ensoft, poiché manifestavano comportamenti, in termini di curva carico-cedimento, tipici di pali trivellati. Nella seconda parte della tesi, una volta ricostruita la curva carico-cedimento facendo uso dei due software, si è cercato di capire se esiste una correlazione tra l’attrito laterale per unità di superficie e la resistenza di punta forniti dai programmi stessi, con la resistenza laterale fs e di punta qc delle prove penetrometriche statiche.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Ingegneria

Autore: Mattia Rigon Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3008 click dal 29/12/2010.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.