Skip to content

Analisi critica della normativa per gli impianti industriali a rischio di incidente rilevante: il metodo ad indici

Informazioni tesi

  Autore: Davide Sofia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Natalia Trapani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

La trattazione si occupa di chiarire come le direttive europee riguardanti gli stabilimenti a rischio di incidente rilevante, conosciute col nome di direttive Seveso, siano state recepite dalla normativa italiana, tramite il D.Lgs. 334/99 coordinato con le modifiche apportate dal D.Lgs. 238/2005.
In particolare il gestore degli stabilimenti che contengono un quantitativo di sostanze pericolose superiore alle soglie indicate nel suddetto decreto, è obbligato alla stesura del Rapporto di Sicurezza. Un documento tecnico contenente analisi qualitative e quantitative che consenta di individuare i possibili rischi, per poter prendere le necessarie misure preventive e protettive.
Fra le varie analisi vi è anche il metodo ad indici o metodo ad ISPESL, una tecnica semiquantitativa che consente l'individuazione preliminare delle aree più critiche, su cui sviluppare ulteriori analisi quantitative.
La trattazione si concentra sul metodo ad indici, analizzandone anche i punti di forza e di debolezza. In particolare si cercherà di porre rimedio con una modifica, al fatto che il metodo non tenga conto della valutazione della vicinanza ad un unità pericolosa, nella determinazione della penalità legata all'effetto domino.
Per concludere si considera come caso studio, l'applicazione di tale metodo ad un impianto di produzione di idrogeno da syngas.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREMESSA Recentemente i media hanno focalizzato l’attenzione della popolazione globale sul disastro ambientale della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, uno sversamento massivo di petrolio nelle acque del Golfo del Messico, in seguito a un incidente su una piattaforma. Lo sversamento è iniziato il 20 aprile 2010 ed è terminato 106 giorni più tardi, il 4 agosto 2010, con milioni di barili di petrolio che ancora galleggiano sulle acque di fronte a Luisiana, Mississippi, Alabama e Florida, oltre alla frazione più pesante del petrolio che ha formato ammassi chilometrici sul fondale marino. Questo costituisce un classico esempio di incidente rilevante, ossia un’emissione, un incendio o un’esplosione di grande entità, dovuti a sviluppi incontrollati durante l’attività e che dia luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l’ambiente, all’interno o all’esterno dello stabilimento, e in cui intervengano una o più sostanze pericolose. La comprensione della normativa italiana in materia di pericolo di incidenti rilevanti non è compito semplice, perché essa è il frutto di interventi successivi del legislatore, finalizzati al miglioramento della normativa stessa, affrontando i punti di debolezza che emergono dagli incidenti che inevitabilmente continuano a presentarsi. La normativa italiana in materia di pericolo di incidenti rilevanti deriva dall’attuazione di direttive dell’Unione Europea (denominate Direttive Seveso). Secondo tali norme, tra i diversi oneri che il gestore di un impianto a rischio di incidente rilevante deve compiere, vi è la stesura di un Rapporto di Sicurezza, documento che riporti i risultati di analisi di rischio eseguite con tecniche qualitative e quantitative permettendo sia di stimare il rischio di incidenti rilevanti, sia di predisporre adeguate misure di prevenzione e protezione, per garantire il mantenimento del livello di rischio entro opportune soglie di accettabilità. Una delle tecniche utilizzate per l’analisi di rischio è il metodo ad indici; esso consente una valutazione semiquantitativa, rapida ed

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

d.lgs 238/2005
d.lgs. 334/99
direttiva seveso
dow
effetto domino
fattore distanza
indici
ispesl
metodo ad indici
metodo ispesl
metodo swehi
mond
rapporto di sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi