Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'evoluzione dei conti pubblici in Italia (dal 2002 al 2007)

Il presente lavoro si propone, con il costante riferimento a documenti programmatici, di esaminare le variabili macroeconomiche e confrontare, gli obiettivi previsti, le stime indicate ed il consuntivo raggiunto, in modo da ottenere uno scenario completo sull’andamento dei conti pubblici in Italia, dal 2002 ai giorni nostri.
Per meglio comprendere il fenomeno dell’evoluzione delle grandezze macroeconomiche, si darà una panoramica generale riguardo alla produzione aggregata, allo studio del vincolo di bilancio, e quindi alla relazione che lega il debito, il disavanzo, la spesa pubblica e le imposte, esaminandone le conseguenze.
Inoltre, verranno analizzati quali fattori determinano, l’evoluzione nel tempo della dinamica del rapporto debito/PIL e cosa determina l’accumulazione del debito pubblico, accennando ad una “ teoria politica” del debito, che si basa sull’idea di poter stabilire un legame tra grado di stabilità politica, conflitto distributivo ed evoluzione del debito e dei disavanzi.
Una volta tracciate le linee generali del fenomeno, nel secondo capitolo si prenderanno in esame i vicoli europei alle politiche di bilancio nazionali, in particolare i criteri di convergenza stabiliti dal Trattato di Maastricht, che avrebbero dovuto essere rispettati da quei paesi che aspiravano ad accedere all’Unione Economica Monetaria, e la politica fiscale e rigorosa che i paesi europei si impegnavano a seguire, sottoscrivendo il Patto di Stabilità e di Crescita.
Dal terzo capitolo all’ottavo, l’indagine prosegue con lo studio dei documenti programmatici e delle Note Mensili dell’ISAE, in modo da ricavare tutti i valori delle variabili aggregate, al fine di valutare le conferme e gli scostamenti, non solo tra le previsioni dei diversi organi, ma anche tra gli obiettivi e i risultati ottenuti, con la conseguente descrizione del quadro macroeconomico di ciascun anno singolarmente preso.
A conclusione di questo lavoro, nel nono capitolo, verranno posti a confronto gli esiti di ciascun anno, in modo da delineare la dinamica dei conti pubblici in Italia degli ultimi sei anni.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro si propone, con il costante riferimento a documenti programmatici, di esaminare le variabili macroeconomiche e confrontare, gli obiettivi previsti, le stime indicate ed il consuntivo raggiunto, in modo da ottenere uno scenario completo sull’andamento dei conti pubblici in Italia, dal 2002 ai giorni nostri. Per meglio comprendere il fenomeno dell’evoluzione delle grandezze macroeconomiche, si darà una panoramica generale riguardo alla produzione aggregata, allo studio del vincolo di bilancio, e quindi alla relazione che lega il debito, il disavanzo, la spesa pubblica e le imposte, esaminandone le conseguenze. Inoltre, verranno analizzati quali fattori determinano, l’evoluzione nel tempo della dinamica del rapporto debito/PIL e cosa determina l’accumulazione del debito pubblico, accennando ad una “ teoria politica” del debito, che si basa sull’idea di poter stabilire un legame tra grado di stabilità politica, conflitto distributivo ed evoluzione del debito e dei disavanzi. Una volta tracciate le linee generali del fenomeno, nel secondo capitolo si prenderanno in esame i vicoli europei alle politiche di bilancio nazionali, in particolare i criteri di convergenza stabiliti dal Trattato di Maastricht, che avrebbero dovuto essere rispettati da quei paesi che aspiravano ad accedere all’Unione Economica Monetaria, e la politica fiscale e rigorosa che i paesi europei si impegnavano a seguire, sottoscrivendo il Patto di Stabilità e di Crescita. Dal terzo capitolo all’ottavo, l’indagine prosegue con lo studio dei documenti programmatici e delle Note Mensili dell’ISAE, in modo da ricavare tutti i valori delle variabili aggregate, al fine di valutare le conferme e gli scostamenti, non solo tra le previsioni dei diversi organi, ma anche tra gli obiettivi e i risultati ottenuti, con la conseguente descrizione del quadro macroeconomico di ciascun anno singolarmente preso. A conclusione di questo lavoro, nel nono capitolo, verranno posti a confronto gli esiti di ciascun anno, in modo da delineare la dinamica dei conti pubblici in Italia degli ultimi sei anni.

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marilena Labanca Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 602 click dal 08/09/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.