Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli a confronto: la democrazia ateniese e la cyberdemocrazia

Può la cyberdemocrazia essere un modello di democrazia diretta, paragonabile alla più famosa forma di democrazia diretta della storia, la polis ateniese?

Confronto fra istituzioni, forme, modelli e strutture della democrazia della polis ateniese e lo sviluppo di forme di interazione diretta all'interno del web come forma di cyberdemocrazia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Erano gli anni trenta quando, prima in Gran Bretagna e poi negli Stati Uniti, iniziarono le prime trasmissioni televisive. In Italia bisognerà aspettare gli anni cinquanta per vedere i primi televisori nelle case degli italiani. Nel corso degli anni la televisione ha modificato la struttura della società, ha imposto mode e costumi, si è rivelato il principale mezzo di comunicazione. Nell’ultimo decennio del secolo scorso gli sviluppi tecnologici hanno permesso la nascita di Internet e lo sviluppo di un nuovo modo di comunicare: dal televisore si è passati al computer. Il modo di comunicare è profondamente cambiato. Da una comunicazione verticale (da uno a molti) si è passati a un tipo di comunicazione orizzontale (uno a uno) in cui è possibile il feedback tra emittente e destinatario della comunicazione. Le potenzialità insite all'interno delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione stanno intaccando le strutture stesse delle comunità, al punto che si parla di una società delle reti in cui ogni nodo della rete è importante per il nodo successivo e viceversa. Internet sembra contenere al suo interno una componente di democraticità che fa riporre molte speranze nel suo sviluppo. 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Riccardo Cristilli Contatta »

Composta da 156 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5785 click dal 21/12/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.