Skip to content

L'acclarata illegittimità dell'aggravante di clandestinità

Informazioni tesi

  Autore: Ilario Nasso
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Ricerca effettuata con il contributo di una borsa di studio intitolata alla memoria del dott. Alessandro Panarello
Anno: 2010
Docente/Relatore: Antonio Saitta
Istituito da: Università degli Studi di Messina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

La ricerca qui pubblicata è il frutto di un lavoro svolto grazie al contributo di una borsa di studio post lauream offerta dalla Fondazione Panarello agli studenti particolarmente meritevoli, laureatisi presso l’Università di Messina con una tesi in diritto costituzionale.
Com’è noto, negli ultimi mesi si sono registrati numerosi interventi della Corte costituzionale (l’ultimo, non potuto prendere in considerazione ratione temporis, proprio con sentenza n. 359 del 17 dicembre 2010) in tema di trattamento penale del fenomeno dell’immigrazione clandestina, volti a verificare la compatibilità ai principi costituzionali del quadro normativo italiano in materia, soprattutto alla luce delle disposizioni introdotte dal legislatore nel corso dell’attuale XVI legislatura.
La ricerca trae spunto dalla sentenza della Corte costituzionale n. 249/2010, con la quale il giudice delle leggi ha dichiarato l’incostituzionalità dell’art.61, numero 11-bis, c.p., introdotto dall’art. 1, lettera f), del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 92. Si tratta di una pronunzia, qui adesivamente commentata a contestualizzata, con la quale la Corte ha riaffermato il primato dei principi costituzionali in tema di diritti fondamentali dell’uomo a fronte di una soluzione normativa offerta dal legislatore senza aver adeguatamente ponderato i diversi valori costituzionali in emersione.
Le osservazioni critiche, sempre suffragata dall’attenta lettura del dato normativo e dei principi ricavabili dalla giurisprudenza costituzionale già maturata in materia, offrono elementi di riflessione utili per la comprensione della giurisprudenza costituzionale che (come la sentenza n. 359 del 2010 dimostra) ha ancora tanto da dire su questa tormentata materia, alla ricerca di un difficile punto di equilibrio tra le esigenze della sicurezza e quelle della tutela, anche in una dimensione sovranazionale, dei diritti fondamentali dell’uomo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VII NOTAZIONI PRELIMINARI Il presente lavoro si propone d analizzare le direttrici della piø recente politica normativa in materia di gestione dei flussi migratori, con specifico riguardo ad alcune disposizioni penali introdotte nel corso della XVI legislatura. Gi dal titolo della ricerca, il lettore Ł invitato a contestualizzare le scrutinate scelte legislative nel quadro dei valori costituzionali di riferimento, nella consapevolezza dell ossequio dovuto dal tessuto normativo primario ai princ pi cardinali che ispirano l ordinamento. La disamina si confronta, cos , con le numerose occasioni d attrito provocate dall incontro dei precetti superprimari (e delle fonti sovranazionali) con le scelte di Parlamento e Governo, talvolta eccedenti i limiti coessenziali ad un esercizio costituzionalmente sostenibile del potere di predisposizione normativa. Affrontando non senza le dovute digressioni comparatistiche, l articolata e trasversale materia del governo delle migrazioni la ricerca ripercorre l iter parlamentare d approvazione delle disposizioni considerate, per giungere all enucleazione delle pertinenti censure di costituzionalit , formulate dalla dottrina, recepite dalla magistratura ordinaria chiamata all applicazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

circostanza aggravante
clandestinità
diritti umani
diritto dell'immigrazione
diritto penale
frontiere
immigrazione
sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi