Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I modelli classici romani nelle satire di A.D. Kantemir

Questa tesi tratta il poeta satirico russo KANTEMIR e i suoi legami con gli autori classici, in particolare ORAZIO E GIOVENALE. Il classicismo si stava diffondendo in Russia proprio all'inizio del diciottesimo secolo, periodo in cui si si colloca la vita del poeta e l'apporto classicista della cultura europea fu mediato attraverso l'esperienza francese.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE KANTEMIR E I MODELLI DI RIFERIMENTO Antioch Dmitreviè Kantemir è un autore di rilievo nell’ambito della letteratura russa del diciottesimo secolo poiché fu il primo ad introdurre una nuova concezione della poesia, unica nel suo genere, nell’epoca che seguì al regno di Pietro il Grande. Kantemir scrisse in tutto nove satire, oltre a tradurre numerose opere di autori classici e classicisti e a comporre epigrammi. Egli era, per educazione e per formazione, aperto a cogliere e rielaborare le influenze culturali provenienti da diversi ambiti, per realizzare una produzione letteraria in cui si riflette la varietà dei suoi interessi. In questo lavoro si intende dunque mostrare quali e quanti spunti Kantemir abbia colto e rielaborato attingendo al mondo classico e soprattutto agli autori satirici. Il poeta russo si è infatti ispirato a due di loro in particolare, Orazio e Giovenale, arricchendo le sue composizioni di quegli elementi del mondo latino che meglio si potevano riferire al periodo storico in cui egli ha vissuto e scritto. In particolare si analizzeranno la II e la VII Satira del poeta russo, al fine di evidenziare la somiglianza con due satire di Giovenale, rispettivamente l’VIII e la XIV. Questi due autori, nonostante la grande distanza spazio – temporale, vissero in contesti storici simili e pertanto nelle loro composizioni poetiche è possibile leggere le stesse disillusioni e lo stesso senso di incertezza nei confronti di una società dalle coordinate incerte. Si intende quindi porre l’accento sui punti di contatto esistenti tra realtà così diverse, e pur così simili, cercando di spiegare il motivo per cui Kantemir ha scelto di ispirarsi a Giovenale. Tuttavia è opportuno ricordare che i modelli di poesia satirica, scelti dal poeta russo, non si limitano al mondo classico latino. Kantemir infatti, come accennato, riuscì a coniugare nelle sue opere anche

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Barbara Francesca Zerbato Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1609 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.