Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il femminismo: un lungo cammino verso la conquista dell'uguaglianza di genere

Il femminismo è un movimento che nacque grazie alla presa di coscienza delle donne di poter far parte della storia come soggetti attivi e si organizzò negli Stati Uniti nella seconda metà dell’ottocento. In seguito si diffuse anche in Europa, ma in Italia le prime vere conquiste (fra cui il diritto di voto nel 1945) si ebbero solo a partire dal secondo dopoguerra e in particolar modo durante il movimento studentesco del sessantotto. Negli anni settanta iniziò la pratica politica dell’autocoscienza, con l’obiettivo di giungere alla scoperta di sé in quanto donne e di discutere sulle ingiustizie subite dalla società patriarcale. Negli ultimi trent’anni si è lottato molto per favorire la piena partecipazione femminile alla vita politica, sociale ed economica e molte studiose hanno contribuito all’affermazione del femminismo postmoderno, il quale vieta una qualsiasi costruzione dell’identità femminile da parte degli uomini. Nel 1996 è stata approvata una legge che ha permesso di far diventare la violenza sessuale un reato contro la persona (prima era ritenuto un reato contro la morale) e successivamente sono state lanciate alcune iniziative per combattere la cultura dello stupro, purtroppo ancora presente soprattutto in Italia, dove spesso c’è una sorta di complicità nei confronti dei violentatori perché aderiscono allo stereotipo del maschio forte. Nel 2009 un’altra legge ha introdotto il reato di stalking (atti persecutori), tutelando maggiormente le donne vittime di minacce e molestie continuate, che possono sfociare in delitti più gravi come lo stupro e l’omicidio. Dagli anni settanta in poi si sono formate nuove identità di genere, grazie all’acquisizione di maggiore autostima da parte di tutte quelle donne che hanno capito di valere molto per la loro capacità di gestire varie situazioni e problemi diversi, dal lavoro alla vita privata e ai rapporti interpersonali. Gli uomini si sono dovuti adeguare rendendosi conto di non poter più essere la parte dominante della famiglia. Quasi tutte le donne, inoltre, non vedono più nella maternità l’unico scopo della loro vita perché vogliono realizzarsi innanzitutto come persone. Questo implica il raggiungimento dell’indipendenza economica, svolgendo un lavoro gratificante, e il soddisfacimento di una sessualità che non dev’essere fine solo alla procreazione, ma anche ad un appagamento personale e nell’ambito della vita di coppia, in cui si riscopre, così, una grande libertà, consapevolezza e rispetto dell’autonomia dell’altro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L‟obiettivo di questo lavoro è quello di dimostrare come il femminismo, movimento nato per parificare i diritti tra i sessi, abbia ormai influenzato la mentalità delle nuove generazioni, diffondendo una nuova visione che insiste sull‟importanza di equiparare uomini e donne sotto tutti gli aspetti possibili: accesso al mondo del lavoro, prospettive di carriera, partecipazione alla vita sociale e politica, divisione dei ruoli all‟interno della famiglia. Ma il raggiungimento dell‟uguaglianza, sia formale che sostanziale, non è l‟unico scopo da raggiungere per far sì che si giunga ad una parità effettiva. Bisogna puntare anche sul riconoscimento delle differenze che contraddistinguono, prima ancora che i due generi, tutti gli esseri umani, ognuno dotato di una propria specificità che va rispettata e tutelata nella sua interezza. In questo senso l‟uguaglianza si pone come rifiuto dell‟emarginazione legata alle diversità, che nel caso delle donne risiedono nel loro esclusivo potere di dare la vita; potere che è stato fonte delle maggiori discriminazioni subite dal genere femminile nel corso dei secoli. Nel primo capitolo verrà tracciato un breve excursus storico della rivoluzione femminile e ci si soffermerà in particolar modo sui contributi principali di alcune femministe postmoderne, che hanno diffuso una concezione dell‟identità della donna totalmente scissa dalla pretesa degli uomini di costruire la femminilità, la quale non viene più ridotta ad un‟unica essenza poiché è in continua evoluzione e può comprendere anche degli aspetti considerati tipici del mondo maschile. Nel secondo si affronterà l‟argomento della violenza sessuale mettendo in evidenza come, nonostante sia stata superata l‟idea che una donna vittima di stupro debba diventare colpevole perché rea di aver provocato l‟aggressore con comportamenti provocatori, resista ancora una cultura implicitamente solidale nei confronti dei violentatori, che rappresentano uno stereotipo di

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Maria Cristina Pinti Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6074 click dal 22/02/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.