Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione d'azienda, il metodo dei multipli di mercato: il caso di TerniEnergia

La tesi riguarda la valutazione dell'azienda in generale, i vari metodi valutativi, classici ed innovativi, ed in particolar modo il metodo dei multipli di mercato tra gli empirici.
Il caso pratico riguarda la società TerniEnergia operante nel settore delle energie rinnovabili.

Mostra/Nascondi contenuto.
1) Valutazione d'Azienda: definizione e finalità La valutazione dell'azienda è una questione ricorrente nell'economia, negli ultimi decenni il valore dell'impresa è diventato un fattore fondamentale delle conoscenze d'imprenditori, manager, professionisti ecc, e la sua misurazione è necessaria in 4 situazioni operative: 1. garanzie societarie; 2. acquisizioni e cessioni d'imprese; 3. formazione del bilancio; 4. stima di performances periodiche delle imprese.”1 1. Le garanzie societarie servono a tutelare i soci di minoranza e tutti gli stakeholders nelle situazioni di finanza straordinaria. Queste operazioni governano il rapporto tra i soci e garantiscono sull'esistenza di un certo valore capitale. Le situazioni che possono determinare la valutazione del capitale sono numerose: fusioni, scissioni, cessioni, trasformazioni, prezzo iniziale di quotazione, aumenti di capitale ecc. Si sceglie un esperto indipendente come garanzia di correttezza ed imparzialità. 2. Nelle acquisizioni e cessioni d'imprese (mergers and acquisitions) si effettuano valutazioni d'azienda per il timore di scalate ostili, per il rischio d'acquisizioni a prezzi esagerati, per il costo-opportunità di cedere rami d'azienda o società controllate, per la quantificazione delle sinergie derivanti dalla fusione e la determinazione del prezzo massimo dell'impresa-target, per la ristrutturazione finanziaria, per il leverage o management-buyout. 3. Nella formazione del bilancio sono entrati prepotentemente i principi IAS internazionali, sostituendo il principio del fair-value a quello del costo storico, modificando la stima del valore per adeguare i valori contabili a quelli di mercato. Sono stati adottati per rendere comparabili le aziende, le quali concorrono nella raccolta di capitali di rischio, per il maggior peso degli intangibili e per la scomparsa dell'inflazione in Europa, che gonfiava i risultati contabili. Gli IAS modificano il valore delle imprese e causano una più alta volatilità dei bilanci influendo sulla politica dei dividendi e sulla comunicazione al mercato. 4. Nelle stime di performance periodica delle imprese, per fornire mezzi di orientamento strategico-gestionale e di valutazione del comportamento del manager, superando i risultati contabili di periodo. Questi non sono completamente attendibili e spesso vengono screditati da analisti ed esperti per i condizionamenti delle formalità previste dal Codice Civile, delle politiche di bilancio, della storicità dei risultati contabili che valutano solo parzialmente rischi e attese dei flussi futuri. “Il tema centrale della valutazione d'azienda è la creazione e il mantenimento del valore”2, 1 L. Guatri, La valutazione delle aziende, EGEA, Milano, 2007, pag. 4 2 D. Balducci, La valutazione dell'Azienda, FAG, Milano, 2006, pag. 18 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alessio Alimandi Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4760 click dal 11/01/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.