Skip to content

Televisione e minori in Europa. Analisi e confronto tra i sistemi di tutela di Gran Bretagna, Italia, Norvegia.

Informazioni tesi

  Autore: Michele Scaccaglia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Paolo Donati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

Sin dalla sua nascita, la televisione è stata, oltre che fonte di intrattenimento, un mezzo per educare i telespettatori. Con la deregulation avvenuta in tutta Europa negli anni Ottanta e il conseguente avvento delle tv private commerciali, le emittenti hanno abbandonato progressivamente gli intenti pedagogici a favore di programmi volti a catturare il pubblico con contenuti sempre più accattivanti, spesso interrotti da lunghi intervalli pubblicitari. I bambini sono sempre stati considerati un target principale, soprattutto in considerazione del tempo che essi trascorrono in casa, del fascino che il mezzo televisivo esercita nei loro confronti e del fatto che i minori in quanto tali non hanno ancora raggiunto la maturità necessaria per valutare i contenuti dei programmi in modo razionale e distaccato.
Secondo il diritto civile, alla minore età è collegata una condizione giuridica del soggetto motivata da ragioni di particolare protezione. I modi e gli strumenti con i quali viene garantita al minore la sua peculiare protezione nel sistema sono sensibilmente diversi a seconda dell’ambito o del settore di attività nei quali il minore è considerato.
Nonostante la crescente proliferazione di nuovi media, la televisione rimane al primo posto delle pratiche di consumo dei bambini. Secondo l’analisi di Buckingham (in Aroldi, 2003), essi trascorrono oggi molto più tempo tra le mura domestiche rispetto al passato e spesso vengono lasciati soli davanti alla tv, favoriti anche dalla presenza, sempre più diffusa, di un apparecchio televisivo nella propria camera.
Per questi motivi, come sottolinea Aroldi (2003), la sensibilizzazione verso il tema della tutela dei minori si è resa necessaria e, favorita dalla ripresa legislativa degli anni Novanta, ha trovato modo di esprimersi - più o meno efficacemente - , sia a livello comunitario sia sul piano nazionale, traducendosi da una parte in provvedimenti di legge, dall’altra in una fitta rete di interventi normativi a carattere deontologico e autoregolativo. In questo contesto, gli Stati europei hanno saputo sviluppare modelli di tutela diversi in relazione alle caratteristiche del proprio sistema televisivo, alle forme di consumo, alle tecnologie sviluppate e alla propria dimensione socioculturale. Tuttavia, a causa della sua complessità e delicatezza, la materia stenta spesso a trovare una chiara definizione. La difficoltà maggiore rimane quella di bilanciare nel modo giusto le esigenze di protezione dei minori e i diritti di libertà d’espressione delle emittenti; per eccessivo o lascivo intervento, per obbiettivi o premesse sbagliati, le buone intenzione possono infatti tradursi in uno squilibrio dannoso con effetti indesiderati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE 1.1 Televisione e tutela dei minori Sin dalla sua nascita, la televisione è stata, oltre che fonte di intrattenimento, un mezzo per educare i telespettatori. Con la deregulation avvenuta in tutta Europa negli anni Ottanta e il conseguente avvento delle tv private commerciali, le emittenti hanno abbandonato progressivamente gli intenti pedagogici a favore di programmi volti a catturare il pubblico con contenuti sempre più accattivanti, spesso interrotti da lunghi intervalli pubblicitari. I bambini sono sempre stati considerati un target principale, soprattutto in considerazione del tempo che essi trascorrono in casa, del fascino che il mezzo televisivo esercita nei loro confronti e del fatto che i minori in quanto tali non hanno ancora raggiunto la maturità necessaria per valutare i contenuti dei programmi in modo razionale e distaccato. Secondo il diritto civile, alla minore età è collegata una condizione giuridica del soggetto motivata da ragioni di particolare protezione. I modi e gli strumenti con i quali viene garantita al minore la sua peculiare protezione nel sistema sono sensibilmente diversi a seconda dell’ambito o del settore di attività nei quali il minore è considerato. Nonostante la crescente proliferazione di nuovi media, la televisione rimane al primo posto delle pratiche di consumo dei bambini. Secondo l’analisi di Buckingham (in Aroldi, 2003), essi trascorrono oggi molto più tempo tra le mura domestiche rispetto al passato e spesso vengono lasciati soli davanti alla tv, favoriti anche dalla presenza, sempre più diffusa, di un apparecchio televisivo nella propria camera. Per questi motivi, come sottolinea Aroldi (2003), la sensibilizzazione verso il tema della tutela dei minori si è resa necessaria e, favorita dalla ripresa legislativa degli anni Novanta, ha trovato modo di esprimersi - più o meno efficacemente - , sia a livello comunitario sia sul piano nazionale, traducendosi da una parte in provvedimenti di legge, dall’altra in una fitta rete di interventi normativi a carattere deontologico e autoregolativo. In questo contesto, gli Stati europei hanno saputo sviluppare modelli di tutela diversi in relazione alle caratteristiche del proprio sistema televisivo, alle forme di consumo, alle tecnologie sviluppate e alla propria dimensione socioculturale. Tuttavia, a causa della sua complessità e delicatezza, la materia stenta spesso a trovare una chiara definizione. La difficoltà maggiore rimane quella di bilanciare nel modo giusto le esigenze di protezione dei minori e i diritti di libertà d’espressione delle emittenti; per eccessivo o lascivo intervento, per obbiettivi o premesse sbagliati, le buone intenzione possono infatti tradursi in uno squilibrio dannoso con effetti indesiderati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

censura
codice autoregolamentazione
comunicazione
contenuti televisivi
diritto
fascia protetta
italia
libertà d'espressione
limiti
minori
norvegia
pubblicità
regno unito
tutela
tv
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi