Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Inglese e cinese a confronto: aspetti linguistici nella formulazione del ''brand name''

Inglese e cinese, due realtà molto diverse tra loro, vengono qui messe a confronto per studiarne le differenze sia linguistiche che culturali allo scopo di comprendere l’importanza che ricoprono a livello di commercio internazionale. Le peculiarità di queste due lingue influenzano, infatti, le strategie in campo economico e in particolare la scelta di traduzione e modifica del proprio brand name. Entrare nel mercato straniero non è così semplice ed immediato ma necessita di uno studio attento delle caratteristiche socio-linguistiche del nuovo partner. All’interno del lavoro vengono prese in considerazione due diverse situazioni: vengono innanzitutto analizzate le modalità di traduzione dei brand names adottate dalle aziende americane per entrare nel mercato cinese apportando alcuni esempi, tra cui quello dell’azienda Coca-Cola, una delle prime ad entrare nel nuovo mercato con successo. Successivamente viene affrontata la situazione contraria, ossia i metodi di traduzione e modifica del brand name adottati dalle aziende cinesi che vogliono affrontare la sfida americana.

Mostra/Nascondi contenuto.
nullIntroduzione Il presente testo nasce come tentativo di soddisfare alcune curiosità personali sorte nel percorso accademico, durante il quale si è affrontato il tema del brand naming, che dall’America entra in Cina. Inglese e cinese sono, infatti, due realtà molto lontane sia linguisticamente che culturalmente, ma sono entrambe protagoniste di questo secolo, caratterizzato dal fenomeno della globalizzazione, che, con l’apertura sempre maggiore dei mercati e l’ingresso di nuovi Paesi nel mercato globale, ha portato America e Cina ad avvicinarsi. Questo avvicinamento non deve essere considerato solo da un punto di vista economico, ma anche da quello della conoscenza dell’altro, della sua lingua e della sua cultura. A primo impatto è difficile trovare una relazione tra questi due aspetti, ma se analizzati nel dettaglio, lingua ed economia sono strettamente legate. Lo scopo di questo studio è, infatti, quello di analizzare le differenze tra inglese e cinese e mostrare come esse giochino un ruolo importante nei rapporti commerciali internazionali. È proprio a causa delle grandi diversità linguistiche e culturali tra inglese e cinese che le grandi aziende nazionali devono modificare il proprio brand name, ossia il marchio che distingue il prodotto da altri presenti nel mercato, per ottenere successo in campo straniero. Il primo capitolo si sofferma proprio sul concetto di brand name, che, come sottolineano Kotler e Amstrong (citati in Chan - Huang, 2001:4), contribuisce significativamente al successo o al fallimento di un prodotto. Il brand name è strettamente legato ad altri due concetti, essenziali per comprendere l’intera analisi: il brand e il processo di branding, che vengono sviluppati all’interno del capitolo, uno in correlazione con l’altro. Questi tre elementi sono necessari alle aziende che vogliono entrare nel mercato estero con successo. Le grandi aziende internazionali devono, infatti, studiare il metodo migliore per modificare il proprio marchio, basandosi sulle caratteristiche linguistiche e culturali del nuovo partner economico. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze linguistiche e letterature straniere

Autore: Monica Santandrea Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6245 click dal 04/01/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.