Skip to content

Storia delle donne e femminismo tra storiografia e politica

Informazioni tesi

  Autore: Anna Bianchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Gian Paolo Romagnani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 195

Questa tesi vuole essere un tentativo di approccio alla storia delle donne, le quali, attraverso battaglie e lotte politiche hanno riconcettualizzato la loro stessa storia fino a creare dei veri e propri paradigmi storiografici. Attraverso le parole di Joan Kelly si potrebbe affermare che: ''…non e' solo questione di restituire le donne alla storia, ma soprattutto di restituire la storia alle donne.''
Lo studio storiografico parte con alcune storiche europee e d'oltre oceano ripercorrendo l'her-story e dando la possibilità a tutte le studiose di storia di potersi riconoscere come autrici e soggetti di una storia che "è" in quanto altre donne hanno provveduto a ''raccontarla''.
La storia del femminismo americano, dalle prime suffragette ai nostri giorni, trattato nel I Capitolo, è una storia di donne che lottarono per alcuni diritti elementari: il diritto al voto, al lavoro (ancora oggi terreno di discussione) e il diritto di partecipare alla vita politica. Donne come Elisabeth Cady Stanton, Lucretia Mott, Susan B. Anthony ed altre ancora, dal 1848 al 1920 intrapresero settantadue anni di battaglie politiche, comizi, manifestazioni, arresti e talvolta condanne per poter affermare il diritto al voto. Questo primo femminismo americano rappresenta, se si vuole, l'aspetto più sanguigno della storia al femminile.
Per una buona parte del XX secolo il loro ricordo fu soppiantato dal placebo di una parità raggiunta rappresentata da donne in prima linea durante la prima e la seconda guerra mondiale, aviatrici, dottoresse, studentesse universitarie sempre più numerose, ma anche da una nuova era dove elettrodomestici ultimo modello ed il progresso entravano in casa e l'industria cosmetica, nel 1929, spendeva in pubblicità quasi quanto l'industria alimentare, la quale però era di diciassette volte più grande. La donna, così, perdette il diritto a considerarsi di fatto tale e la cosiddetta ''mistica della femminilità'' prese per buona parte degli anni '50 il sopravvento.
In Italia, anche se la lotta per il voto avvenne ad un livello più parlamentare, figure di spicco come Anna Maria Mozzoni o Anna Kuliscioff combatterono con il medesimo fervore, per i diritti della donna lavoratrice e la riforma del codice civile. Le storiche femministe costituirono, al di la di tutto, un punto di partenza per una storiografia al femminile, ma fu decisamente con le prime concettualizzazioni del ''gender'' che questa acquistò una sua dignità. Al termine ''gender'', che possiamo inizialmente tradurre come ''ruolo sessuale'' storicamente determinato in una persona in quanto appartenente alla categoria della mascolinità o della femminilità, venne attribuita una posizione di centralità assoluta ed anche all'interno del dibattito storiografico.
Questa ricostruzione storiografica femminile passa attraverso alcune importanti figure di storiche americane, tra tutte Natalie Zemon Davis che con il suo fondamentale articolo del 1976 ''Women's History in Transition: The European Case'' presentava un ''gender'' ancora in fase embrionale, che sarebbe esploso in tutta la sua ricchezza e problematicità nella prospettiva storica elaborata da Joan Scott nel 1989.
Attraverso il saggio di questa storica americana, il ''gender'' usato come categoria storiografica ridefinisce ora i rapporti sociali ed istituzionali tra maschile e femminile e nel campo politico diviene fattore principale nelle manifestazioni dei rapporti di potere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
X NTRODUZIONE "Principle, Not Police-Justice, Not Favors-Men, Their Rights and Nothing More-Women Their Rights and Nothing Less" Questa tesi vuole essere un tentativo di offrire un panorama storico e storiografico sulla Storia delle Donne. Questo campo e' di difficile concettualizzazione poiche' e' passato, nel tempo attraverso non solo mille evoluzioni e trasformazioni ma anche, talvolta, vere e proprie involuzioni. Nella fase preliminare di ricerca bibliografica e' emerso come, per narrare la Storia al femminile, non si possa prescindere dal cominciare dalla storia delle donne americane, le prime che dettero un punto di partenza a quel movimento di lotta politica ma anche di riflessione e teorizzazione che e' tuttora comunemente chiamato femminismo. Quella che piu' di ogni altra cosa puo' essere messa in evidenza di questo studio sul femminismo americano e' senz'altro la determinazione che manifestarono donne come Lucy Stone, Lucretia Mott e Susan B. Antony. Queste, pur essendo madri di famiglia o mogli felicemente sposate si impegnarono per portare avanti richieste di diritti, come quello del voto, che avrebbero aperto una strada nuova alle future generazioni di donne; Elisabeth Cady Stanton decise, addirittura, di trascorrere la luna di miele partecipando al congresso Internazionale Antischiavista a Londra nel 1840. La Dichiarazione dei Sentimenti, che costoro redissero nel 1848, fu il primo passo verso una presa di coscienza dei diritti fino ad allora negati: primo fra tutti il riconoscimento che donne e uomini sono stati creati uguali. Queste pioniere raggiunsero l'emancipazione attraverso continue sfide personali e politiche subendo, inoltre, l'ironia degli organi di stampa che le rappresentava in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

femminismo
gender
storiografia
suffragette
natalie zemon davis
storia delle donne
questione femminile
condizione femminile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi