Skip to content

Cinetica di riduzione del Cr(VI) con Fe(II) in matrici naturali

Informazioni tesi

  Autore: Luca D'ottone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1995-96
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Chimica
  Relatore: Luigi Campanella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

La speciazione del cromo negli ambienti naturali presenta rilevanti discrepanze rispetto alle previsioni termodinamiche, sia in ambienti ossici che anossici. Poiché l’ipotesi più probabile per giustificare tali discrepanze fa riferimento alle caratteristiche cinetiche delle reazioni che interessano il cromo si ritiene interessante sviluppare le conoscenze in tale settore. Presso l’I.R.S.A.-C.N.R. sono stati compiuti studi sulla cinetica di alcuni importanti processi redox che interessano il cromo (Cr(VI)/H2O2; Cr(VI)/H2S) nei sistemi acquatici (Pettine et al. 1990; Pettine et al. 1994). Uno sforzo consistente di ricerca nel settore è inoltre testimoniato da una serie di recenti pubblicazioni in letteratura (Wittbrodt e Palme, 1985; Deng e Stone, 1996;Fendorff e Li, 1996; Kaczynoky et al., 1993; Huy et al.,1997).
La reazione tra Cr(VI) e Fe(II) è una reazione di grande interesse per la circolazione del cromo nei sistemi acquatici. E’ stato dimostrato che Fe(II), prodotto a seguito di reazioni fotochimiche in presenza di materiale organico colloidale contenente ferro, può ridurre il Cr(VI) causando variazioni cicliche giornaliere nel rapporto [Cr(VI)]/[Cr(III)] (Kieber e Helz, 1992). Si è inoltre calcolato che la presenza di Fe(III) esercita un effetto catalitico sulla reazione di riduzione di Cr(VI) con H2S, interpretando l’effetto catalitico come dovuto alla sostituzione della reazione diretta tra H2S e Cr(VI) con un processo a due steps che include le reazioni Fe(III)+H2S e Fe(II)+Cr(VI). Il processo consiste, quindi, in reazioni cicliche di ossidazione e riduzione del ferro, mentre il passaggio netto di elettroni avviene tra il solfuro ed il cromato. Nonostante che queste esperienze indirette stiano ad indicare l’importanza del Fe(II) nell’influenzare la speciazione del cromo nei sistemi acquatici e che la reazione Cr(VI)-Fe(II), sia stata in molti casi sfruttata per la rimozione del Cr(VI) dalle acque di scarico, le informazioni sulla cinetica della reazione sono tutt’altro che esaustive. Esistono studi molto vecchi sulla cinetica di questa reazione, limitati ad un campo di pH molto acido (pH<2), e uno studio recente condotto da Fendorf e Li (1996) limitato ad un campo di pH molto ristretto (6-8). Quest’ultimo studio, tra l’altro, presenta incertezze che sono state discusse nel seguito. Non sono quindi disponibili esoressioni attendibili che consentono di ricavare informazioni cinetiche sulla velocità della reazione in un’ampia varietà di condizioni ambientali.
Nel presente studio si è quindi investigata l’influenza di variabili quali pH(2-9), T(5°-40°), I(0,05-2M), concentrazione di Fe(II) e composizione ionica delle soluzioni sulla cinetica delle reazioni, con lo scopo di fornire espressioni che consentono il calcolo della velocità di reazione in sistemi naturali, sicuramente in assenza di ossigeno e con qualche limitazione anche in presenza di ossigeno.
L’approfondimento delle conoscenze in merito alla cinetica delle reazioni redox che controllano la distribuzione del cromo tra forma ossidata e forma ridotta potrà, insieme alle informazioni relative ad altri processi che possono interessarlo, aiutare a capire come circola questo elemento negli ambienti acquatici (a definire il cosidetto ciclo biogeochimico), consentendo di costruire un modello di comportamento in cui i processi fondamentali (trasformazioni redox, equilibri di precipitazione, adsorbimento e desorbimento, interazioni biologiche) siano descrivibili non solo in modo qualitativo ma anche quantitativo.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Cinetica di riduzione del Cr(VI) con il Fe(II) in matrici naturali Laureando: Luca D’Ottone Introduzione La speciazione del cromo negli ambienti naturali presenta rilevanti discrepanze rispetto alle previsioni termodinamiche, sia in ambienti ossici che anossici. Poichè l’ipotesi più probabile per giustificare tali discrepanze fa riferimento alle caratteristiche cinetiche delle reazioni che interessano il cromo si ritiene interessante sviluppare le conoscenze in tale settore. Presso l’I.R.S.A.-C.N.R. sono stati compiuti studi sulla cinetica di alcuni importanti processi redox che interessano il cromo (Cr(VI)/H 2 O 2 ; Cr(VI)/H 2 S) nei sistemi acquatici (Pettine et al. 1990; Pettine et al. 1994). Uno sforzo consistente di ricerca nel settore è inoltre testimoniato da una serie di recenti pubblicazioni in letteratura (Wittbrodt e Palme, 1985; Deng e Stone, 1996;Fendorff e Li, 1996; Kaczynoky et al., 1993; Huy et al.,1997). La reazione tra Cr(VI) e Fe(II) è una reazione di grande interesse per la circolazione del cromo nei sistemi acquatici. E’ stato dimostrato che Fe(II), prodotto a seguito di reazioni fotochimiche in presenza di materiale organico colloidale contenente ferro, può ridurre il Cr(VI) causando variazioni cicliche giornaliere nel rapporto [Cr(VI)]/[Cr(III)] (Kieber e Helz, 1992). Si è inoltre calcolato che la presenza di Fe(III) esercita un effetto catalitico sulla reazione di riduzione di Cr(VI) con H 2 S, interpretando l’effetto catalitico come dovuto alla sostituzione della reazione diretta tra H 2 S e Cr(VI) con un processo a due steps che include le reazioni Fe(III)+H 2 S e Fe(II)+Cr(VI). Il processo consiste, quindi, in reazioni cicliche di ossidazione e riduzione del ferro, mentre il passaggio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cromo
ferro
ioni
ph
reazioni redox
ciclo biogeochimico
sistemi acquatici
matrici naturali
chimica analitica
cinetica di riduzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi