Skip to content

Verso un nuovo sistema monetario internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Gabriela Nodari
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Riccardo Fiorentini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

La recente crisi, e l’ombra della recessione globale più importante dal dopoguerra, hanno rinnovato l’attenzione degli economisti verso la possibilità di instaurare un nuovo ordine economico-monetario globale, maggiormente adatto a regolare l’economia internazionale multipolare di fronte alla quale ci troviamo oggi.
L’intento del presente lavoro è quello di far luce sulle problematiche del sistema monetario internazionale che attualmente regola i rapporti economici tra paesi, ripercorrendo brevemente la sua evoluzione nel tempo e recuperando dalla storia i contributi teorici di autorevoli economisti, in particolare John Maynard Keynes e Robert Triffin, per sottolineare come possibili suggerimenti e soluzioni siano già alla portata di eventuali azioni correttive da parte dei policy makers.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’economia internazionale si interessa dei rapporti economici tra paesi sotto un duplice aspetto: l’aspetto reale, il quale riflette le motivazioni che conducono i paesi a commerciare tra di loro ed il criterio con cui si determina il senso dei flussi commerciali, nonchØ la loro compensazione; e l’aspetto monetario, ovvero gli effetti che il commercio internazionale e gli scambi di capitali hanno sulle bilance dei pagamenti e sui tassi di cambio. Per motivi puramente didattici, molti libri di testo trattano separatamente queste due macroaree. Tuttavia, la realtà dimostra chiaramente che in una economia mondiale integrata, le politiche economiche di un paese, specie in assenza di coordinamento, influenzano in genere anche l’economia di altri paesi. Infatti, un problema fondamentale dell’economia internazionale è costituito dal raggiungimento di una certa armonizzazione tra il commercio internazionale e le politiche monetarie dei diversi paesi. Negli ultimi decenni la globalizzazione, associata ad un rapido progresso tecnologico, ha allargato le dimensioni del mercato e ridotto i confini economici tra gli stati nazionali, ma le decisioni di politica economica rimangono appannaggio dei singoli governi. L’attuale crisi economica mondiale rappresenta un ottimo esempio degli effetti sulla vita dei singoli della discrepanza tra ampiezza del mercato e dimensione politica. In questo contesto, le distorsioni nell’allocazione delle risorse in una parte del mondo creano distorsioni in altre parti, con reazioni a catena che alla fine rischiano di essere dannose per tutti. A cominciare dagli anni ’80 si è presentata una fase di accelerazione del processo di globalizzazione, che viene chiamata globalizzazione “neo-liberista”. Essa ha alle sue spalle l’affermarsi del modello di capitalismo americano e l’evolversi dell’assetto economico-sociale della Cina. La caratteristica peculiare della globalizzazione neo-liberista riguarda la crescita esponenziale dei mercati finanziari. Molti paesi hanno ridotto fortemente i vincoli amministrativi agli investimenti di portafoglio, dando luogo a movimenti di capitale in investimenti finanziari facilmente liquidabili e dotati, quindi, di grande mobilità. Questo processo ha agevolato la distribuzione del risparmio internazionale su un mercato 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bretton woods
dollaro
global imbalances
gold standard
keynes
moneta dominante
politica valutaria
riforma sistema monetario internazionale
riserve estere
sistema aureo
sistema bimetallico
sistema monetario internazionale
squilibri globali
triffin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi