Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La lezione europea. Una (meta)valutazione dello strumento dell'Health Impact Assessment

La ricerca getta le basi per una valutazione dell'efficacia e dell'efficienza dello strumento - ad oggi poco conosciuto ed utilizzato in Italia - dell'Health Impact Assessment (Valutazione di impatto sulla salute).

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il lavoro che qui viene proposto mira ad una ricognizione ragionata dei principali esempi di applicazione dello strumento di Health Impact Assessment. La distanza che separa l’esperienza oramai consolidata di alcuni paesi (Nord-Europa, Nord-America, Australia in primis) dalla realtà italiana, nella quale la Valutazione di Impatto sulla Salute prova solo oggi a muovere i primi passi, pungola il ricercatore ad interrogarsi sull’opportunità o meno di importare l’utilizzo sistematico di 1 questo strumento. Egli è dunque preliminarmente chiamato a provare a dare una risposta ad una 2 domanda solo apparentemente ingenua: “la VIS funziona?” Attraverso una revisione dei principali contributi della letteratura, il lavoro che segue si interroga sull’efficacia dello strumento: l’ambizione di questo breve saggio non è tanto quella di introdurre il 3 lettore alla VIS, quanto piuttosto quella di avanzare una sorta di meta-valutazione (una valutazione della valutazione) che permetta di dare un giudizio sull’utilità o meno della VIS, riflettendo sui suoi 4 costi e sui suoi benefici. 1 Nel prosieguo dell’elaborato si prediligerà ricorrere, per agilità espositiva, alla traduzione italiana «Valutazione di Impatto sulla Salute», o «VIS». Il lemma ricalca fedelmente l’originale inglese «Health Impact assessment» (HIA). 2 Si può peraltro dubitare che l’evidenza sui costi e benefici della VIS realmente ne influenzi l’adozione. Le prove in questo senso non sono molto confortanti (M. Drummond, “Evaluation of health technology: economic issues for health policy and policy issues for economic appraisal”, in Soc Sci Med 1994;38:1593– 600; F.A. Sloan, K. Whetten- Goldstein, A. Wilson, “Hospital pharmacy decisions, cost containment, and the use of cost effectiveness analysis”, in Soc Sci Med 1997;45:523– 33; C. Hoffman, J.M. Graf von der Schulenburg, “The influence of economic evaluation studies on decision making. A European survey”, in Health Policy 2000;52:179–92; citati in P. Atkinson, A. Cooke, “Developing a framework to assess costs and benefits of health impact assessment”, in Environmental Impact Assessment Review, 2005, 25:791–798). 3 Per chi fosse interessato ad una panoramica sulla VIS si segnalano, in lingua inglese, ECHP, Health Impact Assessment: Main concepts and suggested approach (Gothenburg Consensus Paper), European Centre for Health Policy, Brussels, 1999 (liberamente scaricabile all’indirizzo http://www.euro.who.int/document/PAE/Gothenburgpaper.pdf); J. Kemm, “Perspectives on health impact assessment”, in Bulletin of the World Health Organization, 81 (6), 2003; N. Krieger, M. Northridge, S. Gruskin, M. Quinn, D. Kriebel, G. Davey Smith, M. Bassett, D.H. Rehkopf, C. Miller, e la HIA “promise and pitfalls” conference group, “Assessing health impact assessment: multidisciplinary and international perspectives”, in J. Epidemiol. Community Health, 57, 2003, pp. 659-662; NHS, Health Impact Assessment: a guide for local authorities, liberamente scaricabile all’indirizzo http://www.healthscotland.com/documents/1283.aspx; Id., A short guide to HIA: informing healthy decisions, 2000 (http://www.who.int/hia/about/guides/en/index.html), A. Scott-Samuel, “Health impact assessment. Theory into practice”, in J. Epidemiol. Community Health, 52, 1998, pp. 704-705; A. Scott-Samuel, M. Birley, K. Ardern, The Merseyside Guidelines for Health Impact Assessment, 2nd ed., International Health Impact Assessment Consortium, Liverpool, 2001, scaricabile all’indirizzo http:// www.ihia.org.uk/document/merseyguide3.pdf e http://www.who.int/hia/about/guides/en/index.html; L. Taylor, C. Blair-Stevens, Introducing health impact assessment (HIA): Informing the decision-making process, Health Development Agency, London, 2002; in Italiano un utile contributo di carattere introduttivo è offerto dall’Istituto Mario Negri, Linee guida per la valutazione di impatto sanitario (VIS), 2008, documento liberamente consultabile all’indirizzo http://www.docstoc.com/docs/22268703/LINEE-GUIDA-PER-LA-VALUTAZIONE-DI-IMPATTO-SANITARIO- (VIS)/ 4 Si precisa che l’espressione «benefici» va qui intensa in senso lato, in quanto «effetti positivi»; non implica una traduzione in termini monetari di questi stessi effetti. 2

Tesi di Master

Autore: Federico Vola Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 407 click dal 11/01/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.