Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stalking. La Sindrome del Molestatore Assillante. Psicologia dello stalker e della sua vittima. Uno studio preliminare

Scopo della presente tesi di laurea di secondo livello, di tipo sperimentale, è stato quello di prendere in considerazione il, particolarmente attuale, fenomeno dello stalking, il quale è stato indagato sia da un punto di vista puramente teorico, attraverso una panoramica di tutti gli autori che se ne sono interessati nel corso degli anni, sia anche da un punto di vista empirico e analitico, attraverso un'indagine di ricerca condotta su un campione di popolazione generale.
L’elaborato è stato articolato in complessivi quattro capitoli: il primo ha preso in esame il fenomeno dello stalking da un punto di vista epidemiologico, tracciando le numerose ricerche condotte, soprattutto nei paesi di lingua anglosassone (America, Australia e Gran Bretagna), condotte di recente anche in Italia, ed evidenziando una netta prevalenza del fenomeno presso la popolazione di sesso maschile; il secondo ha offerto una visione analitica orientata sul versante opposto del fenomeno, ossia verso quello delle vittime di stalking; anche in questo caso è stata fatta luce sull'aspetto dell'epidemiologia che, ancora una volta, a testimonianza di quanto precedentemente detto, conferma che nel 78% dei casi sono le donne a risultare vittime di comportamenti ed azioni stalkizzanti; il terzo ha riepilogato una visione d'insieme circa gli aspetti psicologici e/o psicopatologici coinvolti nel fenomeno stalking, i quali possono, potenzialmente, determinare una forte facilitazione nella manifestazione dello stesso, rendendo un soggetto particolarmente predisposto alla messa in atto di comportamenti di tale natura; tra questi aspetti sono stati analizzati: quadri di psicopatia, i disturbi dell'attaccamento, il costrutto di alessitimia etc...; nel quarto ed ultimo capitolo sono stati raccolti ed analizzati, il quanto più criticamente possibile, i dati di un contributo sperimentale condotto su un campione di popolazione generale, attraverso l'uso e l'impiego di tre questionari self-report (O.R.I., T.A.S-20 e R.Q.).

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Scopo della presente tesi di laurea di secondo livello, di tipo sperimentale, è quello di prendere in considerazione il, particolarmente attuale, fenomeno dello stalking, il quale sarà indagato sia da un punto di vista puramente teorico, attraverso una panoramica di tutti gli autori che se ne sono interessati nel corso degli anni, sia anche da un punto di vista empirico ed analitico, attraverso un'indagine di ricerca condotta su un campione di popolazione generale. L’elaborato è stato articolato in complessivi quattro capitoli così suddivisi: 1.nella fattispecie, il primo ha preso in esame il fenomeno dello stalking da un punto di vista epidemiologico, tracciando le numerose ricerche condotte, soprattutto nei paesi di lingua anglosassone (America, Australia e Gran Bretagna), condotte di recente anche in Italia, ed evidenziando una netta prevalenza del fenomeno presso la popolazione di sesso maschile, che nella maggior parte dei casi ne risulta autrice; sempre in questo primo capitolo, sono state menzionate le innumerevoli definizioni del concetto di stalking, a partire dagli anni '80 quando esso si sovrapponeva con lo star- stalking, ossia quello caratterizzato da episodi di molestie assillanti perpetrati ai danni di personaggi di spicco dello Star System, di personalità dello spettacolo e dello sport, fino ad arrivare alle più recenti concettualizzazioni (Curci, Galeazzi, 2003) che lo definiscono come “ una sindrome del molestatore assillante”, che fa riferimento ad un quadro sindromico, appunto, caratterizzato da aspetti comunicativo-relazionali di 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Deborah Falzone Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10472 click dal 24/01/2011.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.