Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione ottima del piazzale di sosta di un aeroporto

Questa tesi affronta lo studio della gestione ottima del piazzale di sosta di un aeroporto. Il lavoro si sviluppa in quattro capitoli: l’aeroporto: definizioni e generalità, il piazzale aeroportuale (apron), gestione del piazzale aeroportuale, modelli matematici per la gestione ottima del piazzale aeroportuale. Nel primo capitolo viene preso in esame l’intero aeroporto, descrivendo le principali categorie di aeroporti e aeromobili ed introducendo i problemi che hanno incentivato lo studio di nuove tecniche di gestione e pianificazione aeroportuale. Nel secondo capitolo viene descritto il piazzale aeroportuale, ovvero l’ambiente di riferimento di questa trattazione; vengono quindi elencate le attività svolte nel piazzale e i mezzi che si muovono al suo interno, vengono descritte le piazzole di sosta e le loro configurazioni ed infine vengono descritte le modalità di trasporto dei passeggeri dal terminal alle piazzole.
Con il terzo capitolo si vuole introdurre, in linea teorica, una carrellata di operazioni molto importanti per un’ottima gestione del piazzale di sosta, quali la determinazione delle dimensioni, della capacità e della dimensione del piazzale; sono inoltre descritti in questo capitolo i fattori che incidono sulla gestione dei gate del terminal, le politiche per l’assegnazione delle piazzole di sosta ed in fine una procedura per l’assegnazione degli aeromobili alle piazzole più opportune.
L’ultimo capitolo presenta due modelli matematici con i quali si vuole ottimizzare l’assegnazione delle piazzole di sosta; essi si basano su due obiettivi diversi: il primo modello fa in modo che venga minimizzato sia la distanza che i passeggeri devono percorrere, sia il numero di aeromobili che non sono assegnati ai gate e quindi indirizzati alle piazzole di sosta remote; il secondo modello invece ha come obiettivo quello di ridurre il numero di conflitti che possono presentarsi in una piazzola e quindi diminuire il numero di collisioni tra i velivoli.

Mostra/Nascondi contenuto.
Sommario Questa tesi affronta lo studio della gestione ottima del piazzale di sosta di un aeroporto. Il lavoro si sviluppa in quattro capitoli: l’aeroporto: definizioni e generalità, il piazzale aeroportuale (apron), gestione del piazzale aeroportuale, modelli matematici per la gestione ottima del piazzale aeroportuale. Nel primo capitolo viene preso in esame l’intero aeroporto, descrivendo le principali categorie di aeroporti e aeromobili ed introducendo i problemi che hanno incentivato lo studio di nuove tecniche di gestione e pianificazione aeroportuale. Nel secondo capitolo viene descritto il piazzale aeroportuale, ovvero l’ambiente di riferimento di questa trattazione; vengono quindi elencate le attività svolte nel piazzale e i mezzi che si muovono al suo interno, vengono descritte le piazzole di sosta e le loro configurazioni ed infine vengono descritte le modalità di trasporto dei passeggeri dal terminal alle piazzole. Con il terzo capitolo si vuole introdurre, in linea teorica, una carrellata di operazioni molto importanti per un’ottima gestione del piazzale di sosta, quali la determinazione delle dimensioni, della capacità e della dimensione del piazzale; sono inoltre descritti in questo capitolo i fattori che incidono sulla gestione dei gate del terminal, le politiche per l’assegnazione delle piazzole di sosta ed in fine una procedura per l’assegnazione degli aeromobili alle piazzole più opportune. L’ultimo capitolo presenta due modelli matematici con i quali si vuole ottimizzare l’assegnazione delle piazzole di sosta; essi si basano su due obiettivi diversi: il primo modello fa in modo che venga minimizzato sia la distanza che i passeggeri devono percorrere, sia il numero di aeromobili che non sono assegnati ai gate e quindi indirizzati alle piazzole di sosta remote; il secondo modello invece ha come obiettivo quello di ridurre il numero di conflitti che possono presentarsi in una piazzola e quindi diminuire il numero di collisioni tra i velivoli. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Milani Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 574 click dal 28/01/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×