Skip to content

Le strategie di collaborazione dei principali portali internet italiani

Informazioni tesi

  Autore: Marco D'aromando
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Marco Pellicano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

La tesi tratta del fenomeno-portale puntando l'attenzione sulle strategie di collaborazione di queste particolari imprese. Secondo chi scrive, un portale orizzontale deve la propria struttura e le proprie possibilità di sviluppo essenzialmente alla quantità ed alla qualità delle proprie relazioni, dal momento che è impensabile gestire con proprie risorse tutti gli argomenti contenuti in questo tipo di siti.
La tesi ha una prima parte teorica, che tratta delle strategie di collaborazione in generale. La seconda parte è dedicata ai portali ed al ruolo nella loro gestione delle strategie di collaborazione.
La terza parte è quella a mio parere più interessante, contiene 15 casi aziendali di altrettanti portali, analizzati relativamente alla storia, alla compagine azionaria, alle strategia di collaborazione ed infine agli sviluppi futuri che ciascun sito potrà avere. Una tabella conclusiva effettua una comparazione tra tutti i portali analizzati.
Il lavoro risentirà in modo consistente della rapida evoluzione che si vive nell'ambito della Rete, dunque in talune parti potrà essere sorpassato dagli eventi, d'altra parte questo è sia il fascino sia la difficoltà che si incontra nella realizzazione di studi sulla Net Economy. Proprio per questo motivo ho inserito i contenuti della tesi in O.P.P.I.O. (Osservatorio Permenente Portali Italiani Orizzontali), un sito web totalmente dedicato ai portali visitabile all'indirizzo http://utenti.tripod.it/oppio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Già da alcuni decenni la maggior parte delle imprese di qualsiasi settore, per sopravvivere ed avere successo, non può fare affidamento solo sulle risorse presenti nel proprio patrimonio. La complessità dell’ambiente competitivo ha spinto le imprese ad implementare delle relazioni con soggetti di varia natura, al fine di reperire le risorse di cui si necessita per la competizione. Quest’impossibilità di competere in completa autarchia è stata confermata anche all’interno del settore più innovativo e con i maggiori sviluppi degli ultimi anni: quello della cosiddetta New Economy. In quest’ambito, le relazioni tra imprese sono così importanti, che molti addetti ai lavori preferiscono parlare di Net Economy, per riferirsi sia alla rete come modello organizzativo utilizzato dalle imprese, sia alla “Rete delle Reti”, cioè Internet, mezzo di comunicazione utilizzato dalle imprese operanti in questo settore. Se per tutte le imprese della New Economy la strategia di collaborazione è importante, per i portali orizzontali tale nucleo della strategia è addirittura fondamentale, dal momento che, data l’ampiezza degli interessi presenti in un sito di questo tipo, sarebbe impossibile competere sul mercato realizzando tutto ciò di cui si ha bisogno in completa autonomia. Pertanto, nei portali, la formulazione e l’attuazione della strategia di collaborazione incidono sulla struttura che il portale avrà, sulla tipologia e sulla qualità dei contenuti che offrirà agli utenti, sulle sue possibilità di crescita futura, sull’eventuale ingresso in mercati stranieri, etc. La scelta di analizzare queste aziende, e non altri protagonisti della New Economy italiana è motivata da due ragioni. In primo luogo i portali sono i siti che catalizzano l’attenzione del maggior numero di navigatori, tant’è che ad Ottobre 2000 i primi quattro portali italiani sono stati visitati da parte dell’80% degli utenti attivi durante tutto il mese 1 . In secondo luogo, il portale rappresenta, per la sua struttura, l’incarnazione perfetta dell’impresa-rete: un nucleo che delega ai nodi periferici la produzione di contenuti, per poi coordinare e proporre su un unico sito la propria offerta agli utenti. Più il network è coeso ed orientato ad un obiettivo competitivo ben definito, più il portale vede accrescere il proprio gradimento presso il popolo della Rete. Molti addetti ai lavori si interrogano sul fenomeno-portali, profetizzando ora una loro scomparsa, ora un loro ridimensionamento. Il lavoro che segue cerca anch’esso di ipotizzare il futuro di questi siti, ma solo dopo averne analizzato il nocciolo del loro orientamento strategico, che, a detta di chi scrive, è costituito proprio dalla strategia di collaborazione. Infatti, in base agli accordi stretti da ciascun portale, si può avere una fotografia piuttosto fedele 1 Il Sole 24 Ore, 20/11/2000.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi