Skip to content

La chiesa parrocchiale di San Giuseppe a Grosio

Informazioni tesi

  Autore: Catia Curti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Alessandro Rovetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Nel 1613 la comunità di Grosio, a causa del continuo aumento della popolazione, aveva deliberato la costruzione di una nuova chiesa vicino all’allora parrocchiale di San Giorgio, non più idonea a contenere la notevole moltitudine di fedeli.
Tale notizia è a noi giunta anche grazie agli atti della visita pastorale del vescovo Filippo Archinti, al quale, nel novembre 1614, era stato sottoposto il progetto per la realizzazione della nuova chiesa.
Solamente dodici anni più tardi però, precisamente il 13 aprile 1626, si assistette alla posa della prima pietra della chiesa di San Giuseppe.
Vista la grandiosità di impostazione della costruzione, soprattutto in relazione al periodo storico dominato da guerre, pestilenze e difficoltà economiche, l’opera di realizzazione si protese per molti decenni.
La consacrazione della chiesa, non ancora completamente terminata, avvenne il 13 maggio 1674 da parte dell’allora vescovo Giovanni Ambrogio Torriani per essere elevata a parrocchia nel 1818 dal vescovo Carlo Rovelli.
Ho deciso di trattare questo argomento, anche su consiglio del mio relatore, Ill.mo L’impostazione data al mio lavoro vede una suddivisione in cinque capitoli, ciascuno di essi dedicato a un approfondimento delle parti fondamentali per la conoscenza della chiesa.
Il primo capitolo, dove viene fatto il punto sugli studi fino ad oggi effettuati sulla chiesa, assume una grande importanza, perché, come detto sopra, nonostante il certosino lavoro di raccolta di informazione e di analisi effettuati da Antonioli e Rinaldi, non si è mai provveduto alla realizzazione di una relazione globale degli studi effettuati.
Il secondo capitolo prevede un’analisi storica delle fasi di costruzione che hanno attraversato per quasi due secoli la storia del paese, continuando poi fino ai giorni nostri con costanti opere di restauro e abbellimento dell’edificio sacro.
Il terzo capitolo si sofferma ad analizzare la struttura architettonica, ponendo l’attenzione su alcuni elementi di particolare rilievo come la facciata, il sagrato e il campanile per la parte esterna e l’altare e le cappelle relativamente all’interno.
I dipinti, le sculture e gli arredi sono l’argomento trattato nel quarto capitolo, dove vengono analizzati le opere e gli artisti che hanno contribuito al fasto e allo splendore della chiesa.
Nel quinto capitolo viene proposto il raffronto con altre chiese realizzate nel medesimo periodo, sia nella provincia di Sondrio sia nel resto d’Italia.
Il lavoro termina con un’appendice documentaria nella quale ho riportato il sindacato stipulato per la realizzazione della chiesa, desunto dall’archivio parrocchiale che ho potuto consultare nella loro nella loro forma originale, nonostante il precario stato di conservazione, e analizzare poi approfonditamente nella raccolta Archivi storici ecclesiastici di Grosio, Grosotto e Mazzo curata da Antonioli e successivamente ampliata da Rinaldi. Le visite pastorali effettuate dai vescovi nel periodo di realizzazione dell’edificio sacro, che ho consultato presso l’archivio vescovile del centro studi Nicolò Rusca, mi sono state molto utili per definire un quadro storico ben preciso e documentato, altrimenti difficilmente ricostruibile.

Ho infine inserito una tavola planimetrica della chiesa, anche se al riguardo manca un lavoro tecnico adeguato, essendo reperibile un’unica planimetria e non disponendo invece di nessuna sezione dell’edificio e di un’appendice fotografica che permetta di osservare direttamente le informazioni contenute nell’elaborato.
Lo studio di una ricca bibliografia, che non si è limitata ai soli testi inerenti alla chiesa, ma che ha coinvolto anche opere di più ampio respiro relativamente alla situazione economica, culturale e artistica di Grosio e dell’intera provincia mi ha permesso di creare un quadro storico e sociale completo all’interno del quale inserire l’analisi della parrocchia.
Spero che il mio lavoro possa dare giusto risalto ad una chiesa unica nel suo genere per un piccolo paese di montagna, che conta appena 5000 anime, ma che ha saputo con tenacia e devozione sacrificarsi per realizzare quello che è, ancora oggi, il vanto per tutta la popolazione e che manifesta il profondo sentimento religioso dei grosini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I – LO STATO DEGLI STUDI 1.1 Lo stato degli studi ad oggi Per comprendere l‟immenso patrimonio artistico presente in Valtellina è necessario comprendere l‟importanza che queste zone anticamente avevano, soprattutto come crocevia di scambi, soprattutto per la Valtellina, tra la Repubblica di Venezia e il 1 nord Europa. Questa valle, oggi quasi sconosciuta, era oggetto tra il 500 e il 600 di importanti contese tra i Grigioni, che avevano allora il dominio sui territori, e la Spagna, che per allargare i propri possedimenti verso nord, voleva ottenere la Valtellina per poterne sfruttare i passi alpini. Anche Roma guardava con interesse alla valle da quando l‟autorità politica grigione aveva sottratto al papato la giurisdizione su questi territori, garantendo quindi ai protestanti la possibilità di rifugiarsi in questi luoghi senza essere oggetto di persecuzione, come accadeva invece nel resto d‟Italia. Per tale motivo il papato era particolarmente attivo affinché la zona ritornasse sotto il 2 controllo del vescovo di Como . Questo breve excursus storico viene fatto per spiegare come sia possibile che in Valtellina si trovino degli esempi di architettura ecclesiastica tanto importanti e sontuosi, come non ci si aspetterebbe di trovare in piccoli insediamenti di contadini. Tra questi edifici sacri degni di attenzione rientra certamente la chiesa parrocchiale di San Giuseppe a Grosio. Principiata nel 1626 e protagonista indiscussa per oltre un secolo degli sforzi e dei sacrifici dell‟intera popolazione, come poi vi sarà modo di approfondire nel capitolo seguente, è indubbiamente la più grande ed illustre opera che questo piccolo paese di montagna abbia realizzato. 1 Langé S., L‟architettura sacra nell‟età della Riforma in Valtellina e Valchiavenna in Il Sei e Settecento in Valtellina e Valchiavenna : contributi di storia su società, economia, religione e arte, Polaris, Sondrio 2002, pp.47-48 2 Coppa S. (a cura di), Il secondo Cinquecento e il Seicento in Civiltà artistica in Valtellina e Valchiavenna, Bolis, Bergamo 1998, pp.19-21 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi