Skip to content

Il rischio di controparte nei derivati OTC

Informazioni tesi

  Autore: Luca Menegazzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Finanza
  Relatore: Andrea Berardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

La recente crisi finanziaria e il fallimento di alcune grandi istituzioni bancarie hanno provocato una crescente attenzione verso il tema del rischio di controparte e verso gli effetti potenzialmente disastrosi che può avere un'eccessiva esposizione in derivati OTC nei confronti di controparti ad alta probabilità di insolvenza. Il mercato dei derivati OTC negli ultimi anni è cresciuto a livello esponenziale e ha creato una rete di connessioni molto fitta tra le principali (e non) banche mondiali. La smisurata crescita dei nozionali complessivi sui derivati OTC è dovuta principalmente ad una collettiva sottostima del rischio di controparte da parte degli investitori.
Il rischio di controparte (CCR) è una particolare fattispecie di rischio di credito, e riguarda tutti i contratti che un investitore ha in portafoglio.
Nei contratti OTC l'investitore è sottoposto alla possibilità che alle date di settlement dei flussi di cassa la controparte (l'investitore) non adempia regolarmente agli obblighi contrattuali. Tale fattispecie di rischio sarà oggetto di discussione del lavoro, ed è mossa da variabili di mercato e variabili attinenti al mondo del rischio di credito. Il rischio di controparte è dunque un rischio ibrido. La perdita infatti si determina soltanto nel caso in cui il valore di mercato delle transazioni poste in essere con la controparte abbiano un valore positivo, al momento del default della controparte. Il valore atteso di tale perdita è chiamato CVA (Credit Valuation Adjustment).
L'obbiettivo di questo lavoro è stato la misurazione del rischio di controparte nei contratti OTC o portafogli di essi.
Nel capitoli 1 e 2 è stato adottato un'approccio di "option pricing montecarlo" per quantificare in contratti IRS plain vanilla la perdita attesa derivante dal rischio di default della controparte (CVA) e/o dell’investitore stesso (DVA). Si è ipotizzato che il time to default delle parti contrattuali sia stocastico (Processi di Poisson omogenei) e correlato mediante copule t-student. Si è visto che per un IRS plain vanilla il CVA è idealmente la somma pesata del prezzo di infinite swaptions (di maturity crescente da zero a T e tenor del sottostante decrescente da T a 0) per le probabilità di default marginali. E’ stato calcolato il CVA/DVA su alcuni contratti IRS con diverse controparti.
Nel terzo capitolo si sono analizzatele forme di mitigazione del rischio di controparte offerte dagli accordi di standardizzazione ISDA dei contratti OTC: il Netting Agreement e la creazione di accordi di garanzia (CSA).
Il quarto capitolo infine affronta l'esigenza fortemente operativa di ottenere stime di CVA (e di perdita inattesa) per un portafoglio di OTC. Si sono proposte alcune metodologie per la misurazione del rischio di controparte in presenza di Accordi ISDA (Netting Agreement, CSA) e considerando la dipendenza tra rischio di credito e di mercato (compound effect) sui reali portafogli OTC di un gruppo bancario italiano con alcune controparti.
L’obbiettivo era quello di ottenere la stima della perdita attesa (CVA) e inattesa che la banca può subire in caso di default della controparte contrattuale il giorno successivo.
La metodologia proposta è una sorta di rivalutazione storica di portafoglio; essa consente uno sforzo computazionale non eccessivo e soprattutto la portabilità in tutti i portafogli OTC caratterizzati da volumi ingenti e fortemente eterogenei nella loro composizione.
L'ottenimento tali misure di rischio giornaliere se da un lato non consentono l'estensione ad orizzonti temporali più significativi (ad esempio l'anno, ai fini della redazione dei bilanci) rappresentano comunque un buon risultato. Esse catturano il compound effect e risultano di facile implementazione per gli operatori che già applicano la full revaluation per il calcolo del VaR di mercato a un giorno.
Il CVA giornaliero è uno strumento utile per il monitoraggio del CCR e consente l'introduzione nelle practices bancarie di un processo virtuoso di assicurazione sul CCR da parte dei trader in derivati. Nello stesso capitolo sono state poi proposte due metodologie approssimative di calcolo del CVA a un anno, facendo determinate ipotesi sulla distribuzione del MtM futuro del portafoglio. Si sono infine generati scenari alternativi per testare l’impatto sul CVA delle varie strutture di CSA che gli operatori possono scegliere.
La prevenzione di future crisi finanziarie passerà senz'altro anche attraverso un corretto monitoraggio del rischio di controparte da parte dei risk managers delle istituzioni bancarie. Alla risoluzione di tale problema
sono chiamati anche i vari regulators nazionali e il comitato di Basilea, per la definizione di regole che possano in futuro risolvere anche il problema del too big to fail e della generale sottostima che recentemente i mercati hanno dato del merito creditizio dei grossi gruppi bancari internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

andrea berardi
basilea 2 ii 3 iii
calcolo del cva
claudio nordio
csa
cva in otc derivatives
isda
luca menegazzi
netting agreement
rischio di controparte
risk management

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi