Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La figura del vampiro in Russia: dalle origini al postmodernismo

La figura del vampiro in Russia dalle tradizioni folcloriche, alla letteratura dell'ottocento e del novecento (Gogol', Tolstoj, Turgenev, Bulgakov, Cvetaeva, ecc), fino all'analisi di alcuni tra i principali romanzi della letteratura russa contemporanea aventi come protagonista il vampiro (Pelevin, Luk'janenko, Zotov, ecc), Quindi analisi e comparazione sulla trattazione di questa enigmatica figura nel folklore, nella letteratura tradizionale fino a quella contemporanea. Ultimo capitolo dedicato al rapporto fra letteratura russa e cinema, con il vampiro protagonista (La maschera del demonio; I Wurdalak; I Guardiani della Notte e I Guardiani del Giorno).

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione In questi ultimi anni si è assistito al riemergere di un fenomeno letterario che fonda le proprie radici nel folclore ed in generale nella cultura popolare di tutto il mondo: il vampirismo. Nell‟immaginario collettivo, il vampiro è una macabra creatura che al calar del sole esce dalla tomba per cacciare e succhiare il sangue dei vivi. Personaggio leggendario prima che letterario, è il protagonista di leggende folcloriche, credenze e superstizioni diffuse in particolar modo tra i popoli slavi prima della loro cristianizzazione avvenuta nel IX secolo. Con la Chiesa molte idee legate al vampirismo sono state soppiantate, proprio perché esse andavano contro i principi dettati dal cristianesimo; nonostante ciò, le credenze relative all‟esistenza del non morto hanno continuato ad esercitare, al tempo stesso, repulsione e fascino sui popoli slavi ancora per moltissimo tempo, fino ai giorni nostri, grazie soprattutto al contributo della letteratura. Nell‟Ottocento si sono avuti i primi momenti di contatto sistematico e documentato con le superstizioni popolari riguardanti questi esseri chiamati “vampiri”, e dal giorno in cui tali creature hanno cominciato a popolare le pagine dei romanzi gotici, l‟uomo non ha più voluto separarsene. Questo nuovo filone letterario si è poi sviluppato nel corso dei secoli con enorme successo. Attualmente la figura del vampiro è una delle più note e commercialmente sfruttate nella cultura di massa. La sua capacità di fascinazione contagia i più vari luoghi della cultura: letteratura, teatro, cinema, televisione, pubblicità, fumetto, giochi di società. Ci troviamo di fronte a una figura le cui origini e motivi simbolici costituenti si perdono

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Antonello Prudenza Contatta »

Composta da 199 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1961 click dal 04/02/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.