Skip to content

Valutazioni sull'attività in vitro della tigeciclina in stipiti isolati in pazienti ricoverati presso l'A.O.U.P. Paolo Giaccone di Palermo

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Carcione
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecniche di laboratorio biomedico
  Relatore: Anna Giammanco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

L’uso spesso incontrollato in corso di infezione dei farmaci antimicrobici ad ampio spettro ha reso, in molti casi, difficile la scelta terapeutica a causa dell’insorgenza delle resistenze facilitate dalla rapida evoluzione dei microrganismi che, attraverso modificazioni del genoma sono stati e sono in grado di esprimere nuovi caratteri fenotipici acquisendo la capacità di sopravvivere anche in presenza di molecole antimicrobiche.
Tale fenomeno ha assunto dimensione preoccupante per il ruolo dei patogeni opportunisti che, già da qualche anno, in ambiente ospedaliero risultano spesso associati a quadri morbosi gravi.
La rapida comparsa della resistenza batterica a numerosi farmaci ha, spesso, nella pratica clinica indotto all’utilizzo di combinazioni di antibiotici, o di un farmaco alternativo; frequentemente però la terapia combinata ha lo svantaggio di generare possibili reazioni avverse o interazioni farmacologiche.
Sulla base di quanto detto, negli ultimi anni diverse case farmaceutiche hanno adottato sempre più moderne tecnologie con l’intento di ricercare e sintetizzare nuove molecole che possano essere utilizzate, anche, nella terapia di infezioni causate da batteri antibiotico-resistenti. Una di queste è la casa farmaceutica “Wyeth” che il 24 Aprile 2006 ha ottenuto l’autorizzazione dalla Commissione Europea per l’immissione in commercio di un nuovo farmaco il Tygacil. La molecola antibiotica è la Tigeciclina appartenente ad una nuova classe di farmaci potenzialmente attivi nei confronti di numerose classi di batteri antibiotico-resistenti: le Glicilcicline.
Dopo la conferma dell’efficacia della nuova molecola, tant’è che attualmente viene frequentemente utilizzata nella pratica clinica, la casa farmaceutica continua, tutt’oggi, a monitorare l’attività del farmaco mediante programmi di sorveglianza “Tigecycline Evaluation and Surveillance Trial” (TEST) che vedono arruolati, a partire dal 2004, circa 800 laboratori microbiologici (tra cui l’A.O.U.P. “Paolo Giaccone” di Palermo) di 40 differenti Paesi per la realizzazione di saggi di sensibilità su microrganismi isolati da campioni patologici provenienti da diversi distretti corporei, di pazienti ospedalizzati e comunitari al fine anche di rilevare le resistenze nel momento in cui dovessero manifestarsi.
Per valutare e saggiare la Tigeciclina e i farmaci con la quale è stata confrontata, è stato utilizzato il metodo di micro-diluizione in brodo, il quale può essere considerato il metodo di scelta se si prevede di ottenere indicazioni sull’iniziale variazione dell’attività dei farmaci. Su tali indicazioni certamente dovrebbero, infatti, essere attuate azioni di controllo che potrebbero essere di ausilio nel contenimento delle resistenze permettendo di limitarne la diffusione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione INTRODUZIONE L’antibiotico-resistenza è un fenomeno che risale a molti anni orsono, tant’è che già nel 1952 fu isolato un ceppo di Shigella multi- resistente, e che oggi ha assunto una dimensione globale, coinvolgendo anche l’ambiente comunitario, per lungo tempo esente da queste problematiche. I microrganismi possono sviluppare una resistenza naturale o acquisita, a seconda che si manifesti una modificazione del genoma o che sia trasferita da un altro microrganismo. Le modificazioni genomiche possono dipendere da eventi genetici che possono correlarsi a mutazioni puntiformi, o al trasferimento di materiale genetico da un batterio all’altro, come accade nella trasformazione, nella trasduzione o nella coniugazione, processi che si evidenziano frequentemente in seno alla stessa specie, ma che sempre più frequentemente si evidenziano anche tra specie diverse. Sicuramente l’uso e l’abuso degli antibiotici, in particolar modo quelli ad ampio spettro, sono alla base dell’evoluzione dei microrganismi resistenti, che, in seguito a mutazioni o allo scambio di materiale genetico, possono esprimere nuovi caratteri fenotipici e acquisire la capacità di sopravvivere in presenza di antimicrobici. Esistono ceppi che con un solo evento genetico acquisiscono la completa resistenza a un farmaco e, altri,   1  

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antibiogramma
antibiotico-resistenza
batteriostatico
e-test
glicilciclina
gram negativi
gram-positivi
kirby-bauer
macrometodo
metodi di diffusione in agar
metodo delle diluizioni in brodo
metodo di micro-diluizione in brodo
mic (concentrazione minima inibente)
micrometodo
minociclina
muller-hinton
piastra per microanalisi
pipetta multicanale
s. aureus meticillino resistenti
sensibilità e resistenze
tetraciclina
tigeciclina
wyeth
β-lattamico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi