Skip to content

La crisi messicana (1861 -1867)

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Durante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Matteo Pizzigallo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

Il fallimento dell’ avventura di Massimiliano fu dovuto, proprio al determinante appoggio del governo di Washington alla causa juarista, sostenuta con finanziamenti, armi e interventi diplomatici, ciò in particolare dopo la fine della guerra civile, i governi di Londra, Parigi e Madrid avevano inviato in Messico un corpo di spedizione per imporre il pagamento dei debiti contratti da quella repubblica con le grandi banche europee e che essa, causa le difficoltà economiche e le crisi intestine, non era in grado di onorare, sicchè ne era conseguito il rovesciamento del legittimo presidente Juárez e l’ offerta della corona imperiale a Massimiliano. Rientrava in un disegno a vasto reggio di Napoleone III, mirante per un verso a espandere la Francia nell’ America centrale. Concluso vittoriosamente il conflitto con i confederati, l’ Unione fece sentire tutto il suo peso; da allora in poi il Messico sarebbe divenuto un incontrastato feudo statunitense, sottoposto alle continue pressioni e ingerenze del potente vicino.
La politica interna di Massimiliano si trovò a combattere con la chiesa locale, che possedeva buona parte delle terre messicane ed era in mano ai vescovi provenienti tutti dalle grandi famiglie crede. Questo spiega, perciò, il fatto che a capo dei primi movimenti per l’ indipendenza siano stati esponenti del clero minuto rurale e che parecchi di loro si siano trovati presenti nelle varie insurrezioni che hanno connotato la storia messicana lungo il XIX secolo e fino alla rivoluzione d’ inizio Novecento.
In un tale contesto c’ è solo da meravigliarsi che Massimiliano sia riuscito a rimanere sul trono per tre anni, la sua posizione, oltre tutto, essendo indebolita dai contrasti tra i suoi collaboratori e consiglieri e dalla mancanza di un esercito degno di tale nome, a tutto ciò s’ aggiunge l’ irresolutezza del principe, animato dalle migliori intenzioni e portato quasi per carattere a una politica autenticamente liberale, come s’ era già potuto vedere al tempo della reggenza del Lombardo - Veneto, ma poi bloccato dall’incapacità di attuare in concreto i suoi sogni e astratti disegni di buon governo e di valutare con realismo i termini delle questioni che si trovava a dover affrontare.
All’ ex Imperatore vennero imputati 13 capi d’ accusa: in particolare lo accusò di essersi fatto strumento dell’ intervento francese in Messico; di aver attentato alla pace, alla libertà all’ indipendenza del paese; di essersi impradonito con la violenza del potere; di aver distolto a proprio profitto i beni e la vita dei cittadini messicani; e di aver emanato il barbaro Decreto d’ ottobre che aveva mandato al patibolo centinai di innocenti.
Massimiliano paragonato al “ Critone di Platone”, Socrate condannato a morte, rifiuta di fuggire per non disubbidire alla Leggi di Atene, che pure lo avevano condannato.
Aveva dimenticato l’ avvertimento della madre, ella, tanti anni prima gli aveva detto: “ Il dovere di ogni sovrano nei confronti di Dio è mantenere intatto e assoluto il potere monarchico. Tre sono gli strumenti di cui si deve servire: la burocrazia, l’ esercito e la Chiesa. “ Massimiliano invece si era inimicato la Chiesa, portandole via le terre, si era scontrato con i grandi burocrati, inducendo riforme liberali; non poteva contare su un esercito fedrale”, dal momento che esso era formato da francesi che ubbidivano non a lui, ma a Napoleone III.
L’ unico sostegno che gli rimaneva era il popolo. Ma il popolo messicano voleva davvero la monarchia? Voleva un re austriaco?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PRIMO CAPITOLO: LE GRANDI POTENZE E IL MESSICO ( 1861 –67 ) ººººº 1 I.A- Dopo la sanguinosa conclusione della rivoluzione del 1848 in molti paesi europei si registrò una svolta di tipo autoritario. Dopo 30 anni del tentativo napoleonico di egemonia seguì un nuovo equilibrio di pace e cominciò a farsi evidente che la Germania aveva preso il posto della Francia, come Potenza 2 conquistatrice dell’ Europa . La Questione Italiana aveva ossessionato l’ imperatore Luigi Napoleone, con il nome 3 di Napoleone III , fin da quando era diventato Presidente della Repubblica francese nel 1848, che gli permise di sviluppare per oltre un decennio una politica spregiudicata in campo interno, accompagnando e favorendo l’ ascesa economica della Francia entrata in concorrenza col colosso Inglese. Pensava, o così voleva far credere Napoleone III, che una volta rovesciato in Italia 4 l’assetto del 1815 sarebbe crollato anche negli altri paesi d’ Europa senza bisogno di altre guerre. Eppure la fine dell’ egemonia francese nell’ Europa centrale era stato il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crisi messicana
messico
napoleone 3°
politica estera italiana
primo impero messicano
secondo impero messicano
storia del messico
trieste

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi