Skip to content

Il ruolo delle questioni di valore nella competizione politica: il caso delle elezioni politiche generali del 1994

Informazioni tesi

  Autore: Irene Manera
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Paolo Martelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

Per questioni di valore si intende quelle questioni che vengono giudicate in maniera univoca da parte dell’elettorato, ma che vengono attribuite in maniera differente ai vari candidati o partiti. Esistono, infatti, nella società dei valori universalmente condivisi e i partiti possono essere considerati più o meno portatori di questi valori . I partiti, quindi, guadagnano o perdono consensi a seconda che l’elettorato attribuisca loro un surplus o un deficit nel sostegno dei valori condivisi. Le questioni di valore variano di tipo e numero a seconda del momento storico che la società attraversa e possono essere quindi anche più o meno rilevanti ai fini del risultato elettorale.
Queste caratteristiche possono avere un’influenza anche molto rilevante sulla competizione elettorale. In situazioni particolari gli elettori possono prediligere un partito solo perché prevale nei valori senza dare particolare peso ai programmi. Per esempio, si può considerare una situazione in cui un paese versa in una condizione di grave crisi economica. In questo caso tutti i cittadini sono interessati a uscirne al più presto. Quindi il partito che ha la fama di essere maggiormente in grado di gestire una situazione del genere può facilmente risultare vincitore indipendentemente dal programma che propone.
Le questioni di valore si inseriscono nella cornice della teoria spaziale del voto che ne è la base teorica fondamentale. Questa teoria è stata elaborata inizialmente da Anthony Downs in Teoria economica della democrazia . Egli compie la sua analisi attuando un parallelo fra la teoria economica della scelta razionale e la scelta del voto. Propone quindi un modello per cui l’elettore vota per il partito che ha la posizione programmatica più vicina al proprio punto ideale, quindi che gli fornisce il livello di utilità più elevato. La scelta del votante si basa quindi esclusivamente sulle posizioni programmatiche e non considera la possibilità che l’elettore compia la sua scelta utilizzando altri metodi. In realtà in Downs vi è un accenno al voto irrazionale, cioè che il fatto che l’elettore, non essendo in grado di esprimere la propria preferenza sui programmi, possa basarsi su altri elementi. Questa ipotesi, però, viene giudicata come una deviazione dal modello e per questo non considerata. L’errore sta proprio qui, secondo Donald Stokes, uno dei suoi critici. Egli non rigetta completamente il modello di Downs, ma sostiene che questo autore non riesca a tracciare un ritratto realistico del modo in cui si svolge la competizione elettorale tralasciando alcuni aspetti che invece ne farebbero parte. È proprio Stokes che introduce, quindi, il concetto di questioni di valore sostenendo proprio che queste andrebbero inserite nel modello tracciato da Downs. Pertanto tutte le critiche successive non costituiscono un nuovo modello contrapposto, ma piuttosto ne rappresentano l’evoluzione. Il modello di Downs riveste quindi un’importanza cruciale, in quanto costituisce il quadro teorico fondamentale in cui le questioni di valore si inseriscono. Proprio per questo ho deciso di dedicare interamente il primo capitolo alla trattazione di questo autore. La comprensione della teoria economica nel modello di Downs è, infatti, il presupposto fondamentale degli argomenti che vengono trattati successivamente.
Nel secondo capitolo vengono poi presentate le critiche alla teoria di Downs, che introducono le questioni di valore nell’ambito della teoria spaziale del voto. Il primo autore che si occupa di questa tematica è Donald Stokes che introduce il concetto di questioni di valore. La trattazione sistematica avviene però grazie al contributo di James Enelow e Melvin Hinich , che costruiscono un modello matematico in cui vengono inserite le questioni di valore modificando il modello delineato da Downs. Nell’ultima parte del capitolo viene infine analizzato come l’introduzione dei valori modifica il modello di Downs dal punto di vista grafico prendendo in esame tutti gli usi possibili delle questioni di valore nell’ambito della competizione: dalla situazione in cui i partiti subiscono passivamente la presenza di valori nella competizione, a quella in cui i partiti usano, invece, queste questioni in maniera strategica.
L’ultimo capitolo è quello che si riferisce alla parte più complicata del lavoro. Ho, infatti, tentato di dare un esempio concreto di come le questioni di valore possono influenzare un risultato elettorale utilizzando il materiale teorico acquisito.
Viene quindi proposta un’analisi del processo che ha portato alla vittoria di Forza Italia nelle elezioni politiche del 1994. In particolare si sottolinea come il leader dello schieramento, Silvio Berlusconi, abbia attuato un processo di erestetica , agitando il tema del nuovo e battendo lo schieramento Progressista. Si rende evidente anche come il momento storico, segnato dalle inchieste di corruzione politica, sia stato fondamentale per la riuscita di questa strategia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questo elaborato ho deciso di trattare una tematica che attiene a un aspetto particolare della competizione elettorale, cioè il ruolo svolto dalle questioni di valore. Ho ritenuto degno di interesse questo argomento soprattutto per il fatto che il modello che ne scaturisce riesce a dare ragione del concreto svolgimento dei fatti, come viene tra l’altro dimostrato nell’ultimo capitolo. Per questioni di valore si intende quelle questioni che vengono giudicate in maniera univoca da parte dell’elettorato, ma che vengono attribuite in maniera differente ai vari candidati o partiti. Esistono, infatti, nella società dei valori universalmente 1 condivisi e i partiti possono essere considerati più o meno portatori di questi valori. I partiti, quindi, guadagnano o perdono consensi a seconda che l’elettorato attribuisca loro un surplus o un deficit nel sostegno dei valori condivisi. Le questioni di valore variano di tipo e numero a seconda del momento storico che la società attraversa e possono essere quindi anche più o meno rilevanti ai fini del risultato elettorale. Queste caratteristiche possono avere un’influenza anche molto rilevante sulla competizione elettorale. In situazioni particolari gli elettori possono prediligere un partito solo perché prevale nei valori senza dare particolare peso ai programmi. Per esempio, si può considerare una situazione in cui un paese versa in una condizione di grave crisi economica. In questo caso tutti i cittadini sono interessati a uscirne al più presto. Quindi il partito che ha la fama di essere maggiormente in grado di gestire una situazione del genere può facilmente risultare vincitore indipendentemente dal programma che propone. Le questioni di valore si inseriscono nella cornice della teoria spaziale del voto che ne è la base teorica fondamentale. Questa teoria è stata elaborata inizialmente da 1 Stokes (1964) Spatial models of party competition, <<American political science review>>, 57, pp 368-377. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1994
corruzione politica
downs
elezioni politiche
forza italia
questioni di valore
silvio berlusconi
stokes
tangentopoli
teoria spaziale del voto
valore del nuovo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi