Skip to content

I principi generali del sistema tributario comunitario nell'esperienza della Corte di Giustizia delle comunità europee

Informazioni tesi

  Autore: Marco Graser
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Mauro Beghin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Il diritto tributario comunitario trova nelle opere di armonizzazione e avvicinamento delle normative fiscali interne la sua genesi basilare. A completarlo, e ad arricchirlo, è intervenuta la Corte di Lussemburgo in un difficile lavoro, spesso anche di ordine creativo, finalizzato a smussare le singole normative interne contrarie all’ordinamento comunitario e, in particolare, al fondamentale principio di non discriminazione su cui l’intero palcoscenico giuridico è sorretto. L’opera di smussamento che la dottrina, all’unisono, definisce efficacemente utilizzando l’espressione “integrazione negativa” ha da un lato eliminato le singole norme nazionali considerate discriminatorie o restrittive, dall’altro ha posto l’accento sulla necessità di un’integrazione positiva di più ampia portata affinché il comune mercato non venga distorto dai comportamenti protezionistici atti a salvaguardare i singoli interessi nazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La presente tesi avrà come fine l’evidenziazione di alcuni principi, concepiti particolarmente dall’analisi delle sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee, posti a regolare il sistema dell’imposizione fiscale comunitaria. L’attenzione sarà rivolta a specificare la portata del principio di non discriminazione e del divieto di restrizioni alle libertà fondamentali sancite dal Trattato, con particolare riguardo all’imposizione diretta. Per meglio comprendere l’universo giuridico di riferimento, in via preliminare rispetto allo studio di queste tematiche, sarà necessario soffermare l’attenzione circa gli aspetti essenziali dei tributi normati dalla Comunità, sia tramite i regolamenti e le direttive, sia mediante la laboriosa opera di interpretazione compiuta dalla Corte di giustizia. Innanzitutto, però, è necessario presentare le caratteristiche del principale organo giurisprudenziale comunitario. La Corte di giustizia delle Comunità europee è l’istituzione giurisdizionale comunitaria la cui attività si estrinseca essenzialmente riguardo 1 : • il controllo della legittimità, in relazione ai trattati, degli atti e dei comportamenti posti in essere dalle singole istituzioni comunitarie; • la vigilanza sull’adempimento degli obblighi in capo agli Stati membri; • l’interpretazione del diritto comunitario, con riferimento particolare alla compatibilità delle giurisdizioni nazionali con i Trattati o con gli atti di diritto comunitario derivato, su domanda dei giudici nazionali. Essa è composta da tre organi giurisdizionali: la Corte di giustizia, il Tribunale di primo grado e il Tribunale della funzione pubblica. La Corte di giustizia è nominata all’art. 7 TCE come uno dei cinque organi fondamentali mediante i quali la Comunità esegue i compiti ad essa affidati. Avente sede a Lussemburgo, è composta da un giudice per Stato membro e da otto avvocati generali, nominati tra personalità di primo ordine, in grado di offrire lapalissiane garanzie d’indipendenza. Essi devono inoltre possedere i requisiti professionali indispensabili al fine di poter esercitare le massime funzioni giurisdizionali all’interno dei loro Paesi, oppure essere noti come giuristi di indubbia competenza. Il loro mandato ha durata di sei anni, ed è rinnovabile. All’interno dell’alveo dei giudici ogni tre anni viene eletto il Presidente della Corte, il quale ha compiti di direzione e coordinamento dell’attività riguardo gli aspetti amministrativi e giurisdizionali: presiede 1 Per un approfondimento si rinvia a: Pocar, F., 2004. Diritto dell’Unione e delle Comunità europee. IX edizione. Milano: Giuffrè Editore. PP. 178-250.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abuso di diritto
comparabilità delle situazioni giuridiche
deroghe dalla norma del trattamento nazionale
diritto tributario comunitario
exit tax
libera circolazione dei capitali
libera circolazione dei lavoratori
libera prestazione di servizi
libertà di stabilimento
libertà fondamentali
principio di eguaglianza
principio di non discriminazione
restrizioni fiscali in entrata
restrizioni fiscali in uscita
tassazione delle plusvalenze latenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi