Skip to content

L'organo, il "principe" degli strumenti musicali

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Silvestri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Beni culturali
  Corso: Musicologia
  Relatore: Daniela Castaldo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

L'organo, dalla sua nascita con il primo utilizzo dell'acqua 1500 anni prima della venuta di Cristo, dalla nascita della tastiera moderna nel 1300 d.C. in Italia, alla nascita del primo organo ibrido, con il collegamento alla consolle alle canne tramite una centralina MIDI, la sua musica: dai canoni gregoriani alla suite Gotique di Leon Boellmann, uno strumento che nel mondo ha segnato la storia di diversi generi musicali tra cui la liturgica, la classica, il rock, il jazz e il pop. Uno strumento unico nel suo genere, il principe degli strumenti musicali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Cenni storici dell’organo Come ben si sa, l‟organo è uno dei più complessi e affascinanti che esistano nella storia della musica. E‟, in base alla sua collocazione storica, uno dei più antichi; si hanno notizie della sua creazione intorno al III secolo a.C. ad opera di Ctesibio d‟Alessandria, un ingegnere che costruì il primo esemplare di organo chiamato 12 hydraulos, un progetto che in seguito verrà ripreso da Vitruvio, cioè un organo che funzionava per mezzo dell‟acqua. La stessa, contenuta in un serbatoio, veniva messa in circolo da due pistoni la cui pressione forniva aria alle canne montate su di un primo somiere, quest‟ultima entrava attraverso l‟azionamento di alcune stecche tirate 3 verso l‟esterno. Il primo esemplare di canne era costituito da pezzi d‟osso assemblati; inoltre sono state il primo tipo di canna ad ancia, e il suono che ne fuoriusciva era verosimilmente lo stesso prodotto dall‟aulos, ovvero il doppio aerofono che si vede nelle immagini delle ceramiche greche. Ma la vera e propria testimonianza dell‟evoluzione tecnologica dell‟organo, dall‟utilizzo idrico ad uno prettamente pneumatico, si ha nell‟obelisco eretto nel 393 a.C. a Bisanzio (oggi Istanbul) dove non è raffigurato più uno strumento funzionante per mezzo dell‟acqua, bensì un primo esempio che necessitava della sola aria per il suo corretto funzionamento. La raffigurazione ci fa vedere appunto che i due pistoni, presenti nell‟hydraulos, sono sostituiti da due mantici compressi dal peso di due giovani che vi stanno sopra. La capitale dell‟impero bizantino era considerata uno dei 4 maggiori centri di costruzione organara nel Medioevo. La produzione cospicua permise agli stessi di esportare organi fino in Europa, in paesi come la Spagna, la Francia, la Germania e l‟Italia. Inoltre lo stesso strumento veniva utilizzato dai Romani durante gli spettacoli nell‟anfiteatro. In seguito, venne 1 C. Sachs, Storia degli strumenti musicali, 2a ed. Milano 1985, pag. 333. 2 P. Dessì, L’organo tardoantico: Storie di sovranità e diplomazia, Bologna 2008, pag 26. 3 Enciclopedia le garzantine sezione Musica vol 1 A-O pag 502 – ediz. Il Giornale. 4 C. Sachs, op. cit., pag. 333. 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

classica
gregoriano
hammond
ibrido
idraulico
jazz
liturgica
musica per organo
musicali
organaria europea
organaria italiana
organo
organo midi
pedaliera
pneumatico
pop
principe
registri
rock
strumenti
tastiera
wurlitzer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi