Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il surrealismo in Buzzati

Breve introduzione della vita di Buzzati e delle critica nei confronti delle sue opere. Si parte con l' esaminare il surreale e il fantastico in Italia e poi in Buzzati, per poi passare ad analizzare il Deserto dei Tartari ed alcuni racconti delle raccolte Paura alla Scala e i Sette messaggeri. Si conclude con lo stile e la tecniche utilizzate per "commuovere e divertire" il lettore.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro intende analizzare il fantastico e il surreale in Buzzati. Partendo da un‟osservazione complessiva dei generi si passa all‟analisi approfondita del Deserto dei Tartari e di alcuni racconti tratti da I sette messaggeri e Paura alla Scala. Si parte, nel primo capitolo, con una breve biografia dell‟autore in cui viene sintetizzata la sua vita, gli studi compiuti e il lavoro di giornalista e inviato al Corriere della Sera. Si prosegue con le principali opere e con la critica letteraria che, almeno in Italia, non gli darà il giusto riconoscimento almeno fino al momento della nascita della Fondazione Internazionale Dino Buzzati nel 1988. Si prosegue, nel secondo capitolo, con le teorie del fantastico e del surreale così come le ha prese in esame per la prima volta il critico bulgaro Tzvetan Todorov nel suo saggio Introduction à la littérature fantastique del 1970. Dopo aver individuato alcune delle più importanti considerazioni considerazioni contenute nel saggio di Todorov, si passa alla descrizione dei caratteri e alle regole del genere nella struttura narrativa dei racconti e ai meccanismi che generano il “surreale” e il “fantastico” all‟interno del racconto. Si prosegue con un breve accenno alla narrativa fantastica italiana e ai principali scrittori che hanno sviluppato il genere, come, per esempio Pirandello, Tarchetti, Moravia e Calvino. A proposito di alcuni scrittori si è tenuto conto delle teorie di Contini contenute nella raccolta di racconti Italie Magique del 1946, nella cui conclusione il critico rileva i cambiamenti, avvenuti negli scrittori antologizzati, tra la prima e la seconda edizione 1 dei loro racconti. Si passa, quindi, ad esaminare il genere fantastico negli scritti di Buzzati e al modo in cui viene utilizzato nel Deserto dei Tartari e in alcuni racconti come, per esempio, Sette piani, Cevere e Paura alla Scala. Si arriva così, nel terzo capitolo, ad approfondire l‟analisi del romanzo il Deserto dei Tartari: si inizia con una sintesi della trama del romanzo per poi passare alla 1 Vedi pag. 18. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Silvia Fra Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6357 click dal 20/01/2011.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.