Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’Europa e la sfida dei sentimenti nazionali: la Catalogna tra euroscetticismo e catalanismo

L’Europa è un continente nel quale convivono una molteplicità di popoli e nazioni che, in seguito ad un progressivo processo di integrazione, hanno dato vita all’odierna Unione europea. La comunità (nel senso più ampio del termine) dei popoli europei, pur condividendo un destino comune all’interno dei confini del continente che “va dall’Atlantico agli Urali” è caratterizzata da profonde diversità sociali, economiche, culturali, politiche che, nel corso della storia, si sono convertite, secondo modalità differenti nei diversi Paesi, in sentimenti di appartenenza ad un territorio o ad una nazione, divenendo ciò che oggi si conosce come nazionalismo.
La sfida dell’Europa odierna, più che contrastare le pressioni nazionaliste, consiste nel garantire il rispetto del principio di pluralità, permettendo una convivenza democratica, pacifica e costruttiva dei diversi popoli. In questo elaborato, tenendo conto dell’attuale contesto storico-politico e sociologico in cui la “vecchia Europa” è chiamata a sostenere delle prove, si tratterrà dell’analisi del catalanismo, ovvero del sentimento di appartenenza del popolo catalano alla comunità e al territorio della Catalunya. Si analizzerà poi la posizione della Catalogna all’interno dell’Unione europea e le sue proposte, in quanto regione costituzionale, per un miglior funzionamento dell’architettura comunitaria. Si passerà poi ad una breve analisi, prima nel contesto generale della Spagna e poi in quello più specifico della Catalogna, del Referendum sul “Trattato che istituisce una Costituzione europea”. La trattazione si baserà sull’analisi dei dati della consultazione popolare, forniti dall’ Eurobarometro e dagli istituti di statistica del Governo spagnolo, considerandoli i più autorevoli, chiari, e recenti. Analizzando le diverse posizioni dei partiti politici catalani e dei movimenti sociali nel contesto della campagna per la consultazione popolare, si tenterà di fare chiarezza e mettere in discussione le visioni comuni e semplicistiche che tendono a giudicare il catalanismo, in quanto movimento politico nazionalista, antitetico ed ostile all’europeismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L‟Europa è un continente nel quale convivono una molteplicità di popoli e nazioni che, in seguito ad un progressivo processo di integrazione, hanno dato vita all‟odierna Unione europea. La comunità (nel senso più ampio del termine) dei popoli europei, pur condividendo un destino comune all‟interno dei confini del continente che “va dall‟Atlantico agli Urali” è caratterizzata da profonde diversità sociali, economiche, culturali, politiche che, nel corso della storia, si sono convertite, secondo modalità differenti nei diversi Paesi, in sentimenti di appartenenza ad un territorio o ad una nazione, divenendo ciò che oggi si conosce come nazionalismo. La sfida dell‟Europa odierna, più che contrastare le pressioni nazionaliste, consiste nel garantire il rispetto del principio di pluralità, permettendo una convivenza democratica, pacifica e costruttiva dei diversi popoli. In questo elaborato, tenendo conto dell‟attuale contesto storico-politico e sociologico in cui la “vecchia Europa” è chiamata a sostenere delle prove, si tratterrà dell‟analisi del catalanismo, ovvero del sentimento di appartenenza del popolo catalano alla comunità e al territorio della Catalunya. Tuttavia, prima di passare all‟analisi della genesi e dell‟evoluzione del catalanismo, ritengo importante fare alcune precisazioni. Questo lavoro nasce in seguito a osservazioni e riflessioni sulle motivazioni del cosiddetto, e a mio avviso, mal denominato “nazionalismo catalano”, durante i mesi trascorsi vivendo a contatto con la società catalana, e in particolare con quella della capitale della Catalogna, Barcellona. Precisamente, è stato nel periodo precedente al Referendum sul “Trattato che istituisce una Costituzione Europea”, durante la campagna elettorale che si è svolta tra gennaio e febbraio scorsi, che ho potuto “toccare con mano” la forza e la diversità degli attori del movimento catalanista, cominciando a capire più a fondo cos‟era l‟autonomismo-

Laurea liv.I

Facoltà: Facoltá di Scienze Politiche “Roberto Ruffilli”

Autore: Paola D'orazio Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1646 click dal 07/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.