Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie di segmentazione del mercato

La tesi riguarda i metodi di analisi statistica utilizzati per la segmentazione del mercato.
Il primo capitolo tratta dei cenni storici mentre il secondo fa riferimento alla teoria normativa ed ai benefici derivanti dalla segmentazione.
Nel terzo capitolo vengono decritti i metodi di analisi utilizzabili quali AID, CHAID, Conjoint Analysis e Cluster Analysis.
L'ultima parte è un applicazione pratica delle suddette tecniche.
In particolare viene utilizzata la Cluster Analysis per la segmentazione del mercato automobilistico italiano con l'utilizzo del software statistico SPSS per l'elaborazione dei dati raccolti.

La tesi ha ricevuto il premio dell'UNRAE (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri) nel 2008 quale migliore tesi sul marketing dell'automobile

Mostra/Nascondi contenuto.
2. L’AFFERMAZIONE DEL CONCETTO DI SEGMENTAZIONE 2.1 Il passaggio dal convergere al divergere L’applicazione dei principi fondamentali del marketing – primo fra tutti quello dell’orientamento al cliente come base essenziale del successo a lungo termine dell’impresa – deve comunque essere accompagnata da un adeguato sviluppo della capacità di misurare, analizzare e valutare i fenomeni di mercato rilevanti. Nel mercato dei prodotti di massa ed in quello industriale sono disponibili offerte di prodotti che pur indirizzandosi al soddisfacimento dello stesso bisogno non sono omogenee o tutt’al più sono solamente simili. La mancanza di omogeneità nelle domanda è rafforzata da fondamentali differenze nei bisogni dei consumatori e nei loro dissimili comportamenti di acquisto e di consumo. Infatti è quasi impossibile identificare una situazione di mercato in cui tutti gli acquirenti scelgono per la stessa ragione un particolare prodotto o una determinata marca. L’opportunità di sfruttare le sempre più evidenti diversità della domanda ha stimolato i produttori ad attuare delle strategie più coerenti ad un mercato caratterizzato da una domanda più “ divergente che convergente”. Le strategie produttive e quelle commerciali sviluppate a partire dall’inizio della prima metà del 900 si rifacevano infatti ad un tentativo dei produttori di stimolare le “singole domande degli individui” in una direzione convergente verso una ristretta scelta di prodotti omogenei e standardizzati. Questo comportamento rispondeva ad una filosofia industriale in cui valevano, nei processi produttivi, i principi della 17

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giuseppe Del Zingaro Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4202 click dal 03/02/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.