Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dolore del bambino non è il dolore di un piccolo adulto: il ruolo dell'infermiere nel valutarlo e gestirlo

La tesi tratta i metodi di valutazione e controllo del dolore nel bambino, con l'utilizzo di scale adatte a ogni età e di metodi antalgici farmacologici e non.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione INTRODUZIONE L’ospedalizzazione in età pediatrica è un fenomeno socio-sanitario rilevante, infatti gli ospedali italiani ospitano ogni anno circa 1 milione di bambini. Tra le prime cause di ricovero, nella fascia di età tra 0 e 14 anni, ci sono le patologie neonatali e le malattie a carico dell’apparato respiratorio, mentre tra le altre cause, meno frequenti, troviamo traumi, avvelenamenti, patologie a carico dell’apparato digerente, infezioni e intossicazioni (dati Ministero della Salute, 2004). Come noto, il ricovero in ospedale, costituisce un fattore di rischio per l’equilibrio psichico del bambino e della sua famiglia: il piccolo paziente si trova in una situazione sconosciuta e insolita, viene assalito da ansia, paura, rabbia e dolore. Questo sia a causa dell’allontanamento dalla famiglia, sia perché si trova a contatto con degli sconosciuti, il personale sanitario, verso i quali prova diffidenza e sospetto. Proprio per questi motivi, l’ospedalizzazione del bambino mostra alcune particolarità rispetto a quella in età adulta: gli ambienti devono essere adeguati, infermieri e medici devono essere in grado di stabilire un rapporto con il piccolo, rassicurandolo e conquistando la sua fiducia, i genitori devono avere la possibilità di rimanere con lui tutto il tempo necessario. Aspetti importanti dell’assistenza al bambino ricoverato sono la valutazione e il controllo del dolore, aspetti che, principalmente, sono compito dell’infermiere, che è colui che lo assiste 24 ore su 24 e deve saper riconoscere i segni di insorgenza del dolore. La scelta di questo argomento come punto centrale di questa tesi è dettata proprio dal fatto che l’infermiere è altamente coinvolto nella valutazione del dolore, è colui che osserva i comportamenti e monitorizza le variazioni fisiologiche che possono segnalare un esperienza dolorosa, somministra le scale di valutazione, parla con il bambino e con i genitori. Inoltre, l’infermiere ha un ruolo importante anche nel controllo del dolore, in quanto somministra le 3

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Giulia Pieraccini Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7241 click dal 02/02/2011.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.