Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Palmanova: riscoperta di una città perduta

Palmanova non deve essere più considerata come vincolo, ma come esempio culturale e pragmatico di scelte coraggiose; non più come fonte soltanto di ricordi storico militari; ma come città piena di vita e di risorse; non più chiusa nelle sue mura e nel simbolo della sua stella, ma come centro di interventi, di idee che in quella sede e per quella sede torna ad inserirsi attivamente nel sistema economico-culturale del paese.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Palmanova non è solamente un manufatto militare ma rappresenta, alla scala urbanistica, una testimonianza integra e leggibile della nuova concezione dello spazio tridimensionale che è stata elaborata in tutti i campi del Rinascimento italiano. Questa rivoluzionaria concezione opera in tutti i campi ed a tutte le scale, dalla rappresentazione degli oggetti nella prospettiva, alla localizzazione geografica dei siti o di una nave in movimento senza riferimenti terrestri, allo studio del planisfero terrestre o del movimento degli astri nello spazio siderale. E‟ indubbio il contenuto qualitativo profondo e il valore culturale di un bene che è caratterizzato anche dalla grande dimensione del sistema città e fortezza, dal suo impianto urbano rinascimentale e dalle tre cinte che sono il frutto di apporti progettuali estesi in un arco di tre secoli. La cinta fortificata, che è frutto originario dell‟urbanistica rinascimentale veneta, parte rilevante della più vasta scuola italiana, viene completata con il contributo di quella francese del Vauban, che è erede della scuola italiana stessa. I confronti internazionali hanno evidenziato la rilevanza mondiale della Città-Fortezza di Palmanova. La città, che è stata dichiarata monumento nazionale nel 1960, è attualmente iscritta nella “tentative list” dell‟UNESCO per un suo riconoscimento come parte del patrimonio mondiale dell‟umanità. Nel primo capitolo di questa tesi si analizzano le origini della città soffermandosi in modo particolare sulla scelta del nome, del sito e del progetto che hanno portato alla sua nascita. Nascita che è avvenuta il 7 ottobre 1593.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Matteo De Nardo Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 535 click dal 22/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.