Skip to content

La dittatura del Pil

Informazioni tesi

  Autore: Mirko Capantini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università per stranieri di Perugia
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giorgia Ballarani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

Ho introdotto l’argomento individuando le premesse storiche a partire dal secondo dopoguerra e dal conseguente “boom economico”, che ha portato alla formazione di un’economia dello sviluppo e all’adozione dell’imperativo di crescita, e al conseguente studio dogmatico della variazione del prodotto interno lordo. Se in quel “felice” periodo all’aumento del Pil corrispondeva un miglioramento del benessere, il “feticismo del PIL” viene messo in discussione già negli anni ’70, con la nascita dei movimenti ecologisti e soprattutto del rapporto del Club di Roma “I limiti dello sviluppo”, che prospettava un futuro in cui si sarebbero presto raggiunti i limiti geo-ecologici del pianeta. Dal punto di vista economico il discorso è stato affrontato principalmente dall’economista rumeno Georgescu-Roegen, che, applicando la legge dell’entropia, ha dimostrato come i miti economici su cui si fondava la società della crescita fossero illusori e impossibili da perseguire nel lungo periodo. Negli anni ’80 si sviluppa quindi un’ideologia fondata sui nuovi paradigmi dell’economia ecologica e dello sviluppo sostenibile, uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità di soddisfazione dei bisogni per le generazioni future, concetto criticato dai teorici della decrescita.
Ho in seguito analizzato più approfonditamente il Pil ed il suo calcolo, così come la criticabilità della scelta di elevarlo a criterio di benessere. Ho elencato gli indicatori alternativi, che si propongono di sostituirlo od affiancarlo, spiegandone i criteri di valutazione, selezionando gli esempi principali, ovvero i più noti a livello internazionale, i più autorevoli e di maggiore impatto mediatico, soffermandomi in particolare sull’Impronta Ecologica.
Ho infine approfondito il concetto di decrescita, partendo dalla sua nascita e aggiungendo via via un’analisi dei contributi offerti dai vari teorici della sua formulazione. Ho messo in rilievo come la proposta di una decrescita si contrapponga totalmente al concetto di crescita e di Pil (il nemico per antonomasia) ma anche al concetto di sviluppo sostenibile (il “falso amico”). Ho analizzato il principale contributo italiano alla mobilitazione per la decrescita, il “Movimento per la decrescita felice” di Maurizio Pallante, e i contributi francesi (“padri” e maggiori sostenitori del concetto), soffermandomi sulla figura di Serge Latouche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il mio interesse per il binomio PIL/decrescita Sono cresciuto in un ambiente in cui le critiche al consumismo imperante sono da sempre all’ordine del giorno di appassionate discussioni in famiglia. Ciononostante da bambino ero attratto in modo irresistibile da qualsiasi pubblicità di giocattoli mi capitasse a tiro, soprattutto in televisione. Crescendo, mi è sembrato che quella pubblicità che rapiva la mia attenzione da piccolo si fosse trasformata. O forse era cambiato il mio punto di vista. Adesso la pubblicità esortava a consumare, semplicemente a consumare, e qualsiasi cosa, oltretutto! Ho iniziato a sentirmi bersagliato da proposte di ogni tipo, in continuazione! Più che attrazione, ormai provavo fastidio. Poi ho notato che mi si voleva convincere che, tutto sommato, l’importante era che comprassi qualcosa, magari senza averne voglia né bisogno. Non solo con la pubblicità, ma con esplicite argomentazioni. L’importante è comprare perché così si rilancia l’economia, ad esempio. Rottamiamo, ricompriamo, così incrementiamo il mercato. Ma a casa mia un’auto si sceglie con criterio, se ne ha cura: deve durare. Non si tratta un’auto come un piatto di carta in un picnic. Anzi, persino al picnic si portano i piatti veri e le posate della cucina. A un certo punto, ho capito che qualcosa stava andando per il verso sbagliato, e siccome ritengo che i miei ed io siamo persone ragionevoli, con uno stile di vita misurato ma soddisfacente, ho cominciato a diffidare di quel tipo di messaggio pubblicitario. Quel messaggio è semplicemente il prodotto della società della crescita, inneggiante all’incremento del PIL; è la sostanza dopante somministrata al goleador dell’acquisto per “spremerlo” di più, per aumentare le sue prestazioni. Il calciatore potenziale sono io e con questa tesi di laurea spero di avere imparato ad evitare qualche autogol. Ho scelto questo argomento perché credo che l’umanità sia arrivata ad un punto di non ritorno. Peggio, ho l’impressione che a quel punto ci sia arrivata qualche decennio fa, e oggi lo abbia superato, come si afferma nel secondo aggiornamento della ricerca del 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi