Skip to content

Strategie discorsive del Presidente della Repubblica. Analisi dell’identità nazionale

Informazioni tesi

  Autore: Gian Francesco Romano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Teoria della comunicazione
  Relatore: Maria Catricalà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 229

Negli ultimi anni il tema dell’identità ha conosciuto un vero e proprio exploit nell’attenzione pubblica ed accademica. Molti sono i motivi per i quali ciò è accaduto e ancora accade. Volendone citare solo alcuni, possiamo ricordare il progressivo affermarsi dei fenomeni globali, con la loro portata destabilizzante per le precedenti certezze e i pericoli di omologazione culturale che toccano da vicino le tradizionali identità comunitarie; la ridefinizione di strutture, competenze e specificità nazionali nei processi d’unificazione in atto in varie parti del mondo (dall’Unione Europea, alla più recente Unione Africana); la diffusione via via più penetrante di Internet, medium particolarissimo, in grado di aprire orizzonti totalmente nuovi e inaspettati all’uso, e perfino all’abuso, dell’identità (dalle identità digitali agli avatar, da quelle posticce a quelle multiple, per non parlare dei cortocircuiti identitari determinati dalla presenza in rete di un numero sterminato di dati personali e biografie). In altre parole la società cosiddetta liquida, con tutte le trasformazioni in atto, sembrerebbe la causa prima e più nuova del recupero e del successo del termine identità.
In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia questa tesi si propone di vedere come un particolare tipo di identità – quella nazionale italiana, appunto – sia stata e tuttora sia percepita e diffusa da quelle persone che si sono alternate nel ricoprire l’incarico di “rappresentare l’unità nazionale”. Per arrivare a questo fine la tesi ha dapprima spaziato in vari ambiti del sapere umano (filosofia, psicologia, sociologia e linguistica) per esaminare gli apporti che tali discipline hanno saputo dare nell’individuare i caratteri propri dell’identità, e dell’identità nazionale nello specifico.
Successivamente è stato esaminato l’ambito della comunicazione politica e politico-istituzionale. Abbiamo ritenuto, infatti, che per comprendere appieno i processi di trasmissione dell’identità operati dai Presidenti fosse necessario sviscerare le modalità con le quali normalmente il mondo politico e le Istituzioni sono solite esprimersi. In quest’ambito particolare attenzione è stata data alle novità introdotte dai mezzi di comunicazione di massa. Essi hanno avuto senza dubbio un grande impatto nella comunicazione politica, agendo sia all’interno delle modalità comunicative (effetti mediatici), sia all’interno degli stessi meccanismi politici (effetti politici).
Come ultimo passo, quindi, si è proceduto alla produzione analitica vera e propria. In primo luogo si è proceduto alla selezione del campione: esso è costituito da una porzione dei messaggi di fine anno inviati dai dieci Presidenti della Repubblica finora alternatisi al Quirinale. Quindi, sulla base delle considerazioni precedentemente emerse sull’identità nazionale, è stato elaborato un lemmario dei termini ritenuti particolarmente espressivi dal punto di vista identitario. Per finire, il corpus d’analisi è stato valutato sulla base di vari parametri (agentività, inclusività, tempo e aspetto dei verbi, uso delle denominazioni, uso di termini metaforici) andando a produrre come risultato sia delle valutazioni conclusive sulle strategie identitarie adoperate dai singoli Presidenti, sia dei paragoni multipli fra di essi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Diverse idee d’identità Il termine italiano deriva per apocope della consonante finale dal termine latino , a sua volta corrispondente al più antico vocabolo greco ταυ̉τότης. La radice delle versioni italiana e latina, idem (stesso, medesimo) già esprime chiaramente l’aspetto fondamentale che sta alla base del concetto d’identità, quale che sia, successivamente, la declinazione presa nella singola disciplina o nel rispettivo ambito: c’è identità quando si ha la possibilità d’individuare in cose diverse una certa uguaglianza. L’uguaglianza può essere quella che si suppone ci sia fra i soggetti dell’esperienza individuale nel corso della vita di una persona (sempre che non sia affetta da particolari patologie psichiche) e allora si tratterà di identità personale; o può essere quella fra diversi soggetti o nuclei sociali all’interno di macrosezioni della società, e allora sarà l’identità collettiva (ulteriormente scomponibile a seconda del discrimine che si ritiene di volta in volta pertinente: identità nazionale, identità di classe, identità di genere…); o, ancora, può trattarsi dell’uguaglianza tra due o più funzioni algebriche, le quali, qualunque sia il valore dato alle variabili in esse contenute, risulteranno perfettamente intercambiabili. Se, quindi, un minimo comune denominatore fra le tante sfaccettature del termine non è difficile da individuarsi, ben diversa è la questione se si decide di approfondire il discorso e dedicare attenzione a come i vari rami del sapere e della conoscenza umana hanno inteso l’argomento. 1.1) L’identità nel pensiero filosofico In filosofia la discussione sull’identità, almeno sul versante dell’identità personale, è qualcosa che è presente dagli albori della disciplina. La base teorica al concetto stesso d’identità, nonché i prodromi delle dispute sull’argomento che ancora oggi non accennano a terminare, si possono individuare nelle divergenze fra Parmenide ed Eraclito, proseguite successivamente dai discepoli delle 5 identitas identità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi
ciampi
cossiga
einaudi
gronchi
identità
leone
linguaggio politico
napolitano
nazionale
pertini
presidente
repubblica italiana
saragat
scalfaro
segni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi