Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Basilea 3 e il potenziale impatto sulle banche italiane

La crisi finanziaria scoppiata nel 2007 ha messo in evidenza i punti deboli dell'attuale sistema di regolamentazione del settore bancario, noto come Basilea 2. Dunque e stato necessario una sua modifica, il nuovo pacchetto regolamentare proposto dal Comitato di Basilea, rappresenta l'architettura del sistema regolamentare, denominato Basilea 3.
L'obiettivo rientra nel quadro generale delle politiche di stabilizzazione del sistema bancario, accrescendo la capacità di assorbire altri shock e riducendo il rischio di contagio tra il sistema finanziario e l'economia reale. Partendo da quest'obiettivo generale, la finalità specifica di Basilea 3 è quella di rafforzare la regolamentazione del capitale e della liquidità delle banche aumentando, la qualità e la quantità del patrimonio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo1: I limiti di Basilea 2 e le novità introdotte da Basilea 3 1.1 Introduzione La crisi finanziaria che ha duramente colpito l'economia mondiale nel corso degli ultimi anni, ha portato a chiedersi se vi fossero difetti nella regolamentazione in particolare nell'accordo internazionale noto come Basilea 2, che è stato fortemente criticato da numerosi osservatori e studiosi che lo considerano in parte responsabile della crisi economico-finanziaria 1 originata dai mutui statunitensi. Tutto ciò ha portato a un intenso lavoro di revisione della vigente normativa, svolto dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria su richiesta dei Capi di Stato e di Governo del G20 e sulla base della roadmap tracciata dal Stability Board. Un primo pacchetto di proposte regolamentari per la consultazione è stato pubblicato nel Luglio del 2009 (Basel Committee 2009a) con riferimento ai requisiti patrimoniali per i rischi di mercato e di alcune operazioni di finanza innovativa. Nel Dicembre dello stesso anno il Comitato ha pubblicato due ulteriori documenti di consultazione (Basel Committee 2009 b e 2009 c) relativi alle proposte sull'adeguatezza del capitale e al 2 trattamento del rischio di liquidità. 1 Sironi A. (2010), “Le proposte di Basilea 3 per la riforma del sistema di adeguatezza patrimoniale: un'analisi critica.”, Bancaria n 3/2010 pag 18, Bancaria editrice. 2 Carosio G. (2010), “Verso la revisione della regolamentazione sul capitale”, Convegno ADEIMF 29 gennaio 2010, pag 1. 3 Financial subprime

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Simone Coppotelli Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13373 click dal 24/01/2011.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.