Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il semirealismo di Chakravartty: il problema della rappresentazione

Questo lavoro si propone l’obiettivo di presentare un particolare e limitato scorcio del dibattito relativo al problema della rappresentazione della realtà fisica da parte delle teorie scientifiche. L’analisi del rapporto fra teorie e mondo viene sviluppata facendo principalmente riferimento alla proposta di Anjan Chakravartty ed evidenziando, di contro, il punto di vista radicalmente differente di Bas van Fraassen; entrambi, questi, filosofi della scienza protagonisti del contemporaneo e vivissimo dibattito sul realismo scientifico.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Percorso e obiettivi Questo lavoro si propone l’obiettivo di presentare un particolare e limitato scorcio del dibattito relativo al problema della rappresentazione della realtà fisica da parte delle teorie scientifiche. L’analisi del rapporto fra teorie e mondo viene sviluppata facendo principalmente riferimento alla proposta di Anjan Chakravartty ed evidenziando, di contro, il punto di vista radicalmente differente di Bas van Fraassen; entrambi, questi, filosofi della scienza protagonisti del contemporaneo e vivissimo dibattito sul realismo scientifico. Il primo capitolo è propedeutico alla trattazione dello specifico problema che si vuole analizzare. In esso vengono proposte un’esposizione, introduttiva e a grandi linee, delle direzioni intraprese dal contemporaneo dibattito sul realismo scientifico e una successiva presentazione della singolare concezione elaborata in merito da Chakravartty e denominata “semirealismo”. Lo scopo di questo capitolo iniziale è penetrare nell’orizzonte concettuale del semirealismo, appropriarsi della sua terminologia specifica e del suo modo di porsi nei confronti delle principali sfide rivolte dai critici al realismo in generale, per poi poter comprendere a fondo gli argomenti utilizzati nell’affrontare il problema, di maggior interesse per questo lavoro, del rapporto fra teorie e realtà. Il secondo capitolo è interamente dedicato alla trattazione del modo in cui, da un punto di vista semirealista, si debba intendere il fatto che le teorie scientifiche sono rappresentazioni approssimativamente vere degli eventi e dei processi fisici ai quali si riferiscono. Il punto di partenza è constatare che una qualsiasi forma di realismo scientifico, per fronteggiare la tesi antirealista della “metainduzione pessimistica”,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cecilia De Nonno Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 202 click dal 31/03/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.