Skip to content

L'evoluzione delle scene di battaglia nella storia del cinema dall'analogico al digitale

Informazioni tesi

  Autore: Livia Cicerchia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Arti e Scienze Dello Spettacolo
  Relatore: Maria Teresa Pizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

Uno degli aspetti delle produzioni cinematografiche che più mi affascina è l’uso degli effetti speciali, proprio per questa ragione ho scelto di approfondire l’argomento.
Ho focalizzato la mia attenzione, in particolare, sulla resa filmica di battaglie e duelli perché, tra tutti, questo è il tema che offre al regista maggiori possibilità di realizzare sequenze spettacolari e avvincenti che richiedono l’impiego indispensabile di trucchi ed effetti speciali.
Dopo una breve illustrazione della storia degli effetti speciali, infatti, presento nove schede di altrettanti film (di cui due con tecniche di animazione) che contengono scene di battaglia, o di duelli, realizzate sia con trucchi ed effetti tradizionali, sia con effetti speciali ottenuti con le tecniche più svariate.
Ogni scheda analizza la pellicola secondo le seguenti voci: film, soggetto e sceneggiatura, scena, montaggio, fotografia ed illuminazione, dialoghi, scenografia ed ambientazione, costumi, musica e sonoro, effetti speciali, stile riprese e direzione attori.
Nella selezione dei film da esaminare ho deciso di privilegiare generi e stili differenti e di sceglierli in base al tipo di effetti speciali utilizzati, in modo da proporre quelli che per primi hanno impiegato una determinata tecnica o innovazione. Inoltre, ho volutamente trascurato il fatto che fossero stati diretti da registi più o meno famosi o che avessero riscosso successo di pubblico o di critica.
Per queste ragioni la mia scelta è caduta su: Napoléon (guerra); Star Wars: il ritorno dello jedi (fantascienza); Il Signore degli anelli (animazione); Matrix Reloaded (fantascienza); Kill Bill (pulp); Master & Commander (storico);
Il Signore degli anelli: il ritorno del re (fantasy); 300 (azione); Star Wars: The Clone Wars (animazione).
Come detto, ciascuno di questi film è rappresentativo non solo del proprio genere, ma anche di particolari tecniche ed effetti innovativi per l’epoca in cui il film è stato girato. Ad esempio Napoléon, pur risalendo al 1933, mostra effetti mai realizzati prima, come l’introduzione del colore o l’uso del trittico e l’utilizzo della steady-cam, considerato allora un effetto speciale mentre oggi è un comune movimento di macchina. Altrettanto pioniere è Matrix con l’uso del bullet time mutuato dalla tecnica fotografica inventata da Muybridge. Il presente studio mira ad esaminare nel dettaglio le singole tecniche impiegate per evidenziare come, nel tempo, l’ingegno e l’inventiva dei registi abbiano saputo sfruttare le innovazioni tecnologiche che la loro epoca offriva; e come queste abbiano influito sullo sviluppo della cinematografia.
Tutti i film esaminati, infatti, si avvalgono di effetti speciali all’avanguardia, fa eccezione Kill Bill, in cui il regista, pur girando nel 2003, ha deliberatamente evitato di utilizzare le moderne tecnologie.
Completa il lavoro un glossario degli effetti speciali, in cui ho inserito i termini tecnici più comuni, nonché quelli presenti in questo testo, per offrire al lettore una chiave di riferimento ordinata e facilmente comprensibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Uno degli aspetti delle produzioni cinematografiche che più mi affascina è l’uso degli effetti speciali, proprio per questa ragione ho scelto di approfondire l’argo- mento. Ho focalizzato la mia attenzione, in particolare, sulla resa filmica di bat- taglie e duelli perché, tra tutti, questo è il tema che offre al regista maggiori pos- sibilità di realizzare sequenze spettacolari e avvincenti che richiedono l’impiego indispensabile di trucchi ed effetti speciali. Dopo una breve illustrazione della storia degli effetti speciali, infatti, presento nove schede di altrettanti film (di cui due con tecniche di animazione) che con- tengono scene di battaglia, o di duelli, realizzate sia con trucchi ed effetti tradi- zionali, sia con effetti speciali ottenuti con le tecniche più svariate. Ogni scheda analizza la pellicola secondo le seguenti voci: film, soggetto e sce- neggiatura, scena, montaggio, fotografia ed illuminazione, dialoghi, scenografia ed ambientazione, costumi, musica e sonoro, effetti speciali, stile riprese e dire- zione attori. Nella selezione dei film da esaminare ho deciso di privilegiare generi e stili diffe- renti e di sceglierli in base al tipo di effetti speciali utilizzati, in modo da propor- re quelli che per primi hanno impiegato una determinata tecnica o innovazione. Inoltre, ho volutamente trascurato il fatto che fossero stati diretti da registi più o meno famosi o che avessero riscosso successo di pubblico o di critica. Per queste ragioni la mia scelta è caduta su: Napoléon (guerra); Star Wars: il ritorno dello jedi (fantascienza); Il Signore degli anelli (animazione); Matrix Reloaded (fantascienza); Kill Bill (pulp); Master & Commander (storico); Il Signore degli anelli: il ritorno del re (fantasy); 300 (azione); Star Wars: The Clone Wars (animazione). Come detto, ciascuno di questi film è rappresentativo non solo del proprio gene- re, ma anche di particolari tecniche ed effetti innovativi per l’epoca in cui il film è stato girato. Ad esempio Napoléon, pur risalendo al 1933, mostra effetti mai realizzati prima, come l’introduzione del colore o l’uso del trittico e l’utilizzo della steady-cam, considerato allora un effetto speciale mentre oggi è un comune movimento di macchina. Altrettanto pioniere è Matrix con l’uso del bullet time mutuato dalla tecnica fotografica inventata da Muybridge. Il presente studio mira ad esaminare nel dettaglio le singole tecniche impiegate I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

300
analogico
avatar
digitale
effetti speciali
film
guerra
il signore degli anelli
kill bill
master and commander
matrix
napoleon
scene di battaglia
special effects
star wars

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi