Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le ferrovie in gestione commissariale governativa: il caso della Genova-Casella

Questo lavoro analizza il tema delle ferrovie in gestione commissariale governativa e nello specifico approfondisce il caso della tratta Genova-Casella.

Mostra/Nascondi contenuto.
Presentazione Il presente lavoro è dedicato alle Ferrovie in Gestione Commissariale Governativa e, in particolare, all’analisi di una di queste, la ferrovia Genova – Casella localizzata in Liguria. Tali ferrovie erano caratterizzate dal fatto di non essere comprese nelle Ferrovie dello Stato, ma di essere proprietà del Ministero dei Trasporti e della Navigazione che le controllava attraverso un Commissario Governativo. Considerando i forti disavanzi che interessavano queste ferrovie le quali avevano prevalentemente dimensione regionale, si è deciso per il loro passaggio alle Regioni (processo tuttora in corso), previo affidamento triennale alle Ferrovie dello Stato S.p.A. che, in veste di nuovo Commissario Governativo, avrebbero dovuto procedere alla loro ristrutturazione e risanamento. Questa operazione di passaggio delle competenze dallo Stato alle Regioni è da considerare tra le più significative azioni in materia di decentramento per le dimensioni del complesso di queste ferrovie sia dal punto di vista del loro peso finanziario sia da quello del personale addetto. Suscita anche interesse l’analisi delle diverse fasi poste in essere per giungere a tale obiettivo, in particolare la trasformazione delle ferrovie a Gestione Commissariale Governativa in S.r.l. come pure la legislazione regionale in

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanna Vinci Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1693 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.