Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione di tecniche di peer selection per BitTorrent in reti Wireless Mesh

La tesi analizza una possibile soluzione per la costruzione dell'overlay in una rete di tipo BitTorrent al fine di ottimizzare il traffico su rete e possibilmente il tempo di download dei files condivisi. La tecnica di selezione prevede la collaborazione tra l'ISP e i tracker che forniscono l'elenco dei peer cui collegarsi. E' stata apportata perciò una modifica al protocollo al fine di fornire l'elenco dei peer più vicini (informazioni ricavate dall'ISP) o comunque quelli che sono raggiungibili su percorsi più scarichi o con più banda disponibile. Il contesto di rete simulato prevede anche la presenza di un dominio in cui tutti routrer sono di tipo wireless (rete Wireless Mesh) e simula la caduta momentane di qualche nodo per mostrare la reazione del protocollo modificato. Il simulatore adottato è ns-2.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Molte applicazioni dell’Internet odierno vengono usate per l’accesso a risorse come processi server o pezzi di informazione che sono disponibili in numerose repliche su host differenti. Tra le applicazioni sono inclusi sicuramente i sistemi di filesharing P2P bench´ e questi non esauriscano completamente i possibili programmi d’utente. Le reti P2P sono reti paritarie, ossia reti di computer (o comunque reti informatiche) che non posseggono nodi gerarchizzati come client o server fissi (clienti e serventi), ma un numero di nodi equivalenti (i peer) che fungono sia da cliente che da servente verso altri nodi della rete. Oggi una parte molto significativa del traffico in Internet ` e generato proprio dalle applica- zioni P2P usate per il file sharing ma anche per le comunicazioni in real time e lo streaming live. Non ` e un caso che le applicazioni P2P si sono guadagnate l’appellativo di “applicazioni killer” della rete a causa della loro caratteristica di inondare la rete di messaggi, fenomeno che pu` o causare talvolta problemi di congestionamento sui link. Dal 1999, con la nascita di Napster, i sistemi P2P si sono evoluti molto rapidamente consentendo una maggiore efficien- za dell’uso delle risorse e soprattutto si sono dotati di meccanismi di ricerca del contenuto avanzati come quelli supportati dalle DHT. Tra i maggiori protocolli P2P adoperati dagli utenti c’` e sicuramente BitTorrent che, a differenza dei tradizionali sistemi di file sharing, ha come obiettivo quello di realizzare e fornire un sistema efficiente per distribuire lo stesso file (in genere di grosse dimensioni) verso il maggior numero di utenti disponibili sia che lo stiano prelevando (download) che inviando (upload). Si tratta quindi di un meccanismo per coordinare in automatico il lavoro di moltitudini di computer, ottenendo il miglior beneficio comune possibile. In genere esso viene in soccorso delle aziende produttrici di software o videogiochi che vogliono rilasciare una nuova versione di un’applicazione o magari una patch e non possono permettersi l’uso di un sistema di server che collasserebbe sotto il peso di un numero troppo elevato di richieste i

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Cristofaro Gozzolino Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 534 click dal 03/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.