Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ambiente organizzativo nella prospettiva di Karl E. Weick

La mia tesi pone l'attenzione sul processo organizzativo costituito dalle azioni dei partecipanti volte a pervenire ad una mutua comprensione della propria realtà e alla realizzazione di una attività di mapping che permetta ad essi di avere un orientamento all'interno di ciò che loro medesimi hanno costruito. Un primo passo di questo percorso intellettuale è una visione delle organizzazioni considerate nei loro aspetti ideativi e simbolici piuttosto che economici e materiali. Ciò fa sì che, nell'ampio spettro di discipline che riguardano la teoria organizzativa, questo elaborato, anche se vede contributi da diverse discipline sociologiche, sia maggiormente caratterizzato dalla psicologia sociale. E' principalmente infatti grazie ad una impostazione di tipo psicosociale che le organizzazioni possono essere concepite come flussi di esperienza, nei quali tutti ciò che siamo abitualmente portati a pensare come delle realtà oggettive esterne a non non ha una realtà se non all'interno dell'esperienza dei soggetti partecipanti. Il problema del cambiamento viene ad essere affrontato attraverso il modo in cui i soggetti restano legati ad azioni e scelte che in passato sono state efficaci, ma col passare del tempo diventano obsolete, portando le organizzazioni alla crisi ed alla distruzione. La soluzione viene prospettata attraverso la proposta di un assetto organizzativo che tenga nella dovuta considerazione quelle anomalie che, lungi dall'essere considerate dei problemi da sopprimere, devono essere coltivate come opportune fonti di innovazione casuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
TESI IN PSICOLOGIA SOCIALE “L’AMBIENTE ORGANIZZATIVO NELLA PROSPETTIVA DI KARL E. WEICK” INTRODUZIONE/ABSTRACT Questa tesi vuole porre l’attenzione sul processo organizzativo costituito dalle azioni dei partecipanti volte a pervenire ad una mutua comprensione della propria realtà e alla realizzazione di una attività di mapping che permetta ad essi di avere un orientamento all’interno di ciò che loro medesimi hanno costruito. Un primo passo verso questo percorso intellettuale è una visione delle organizzazioni considerate nei loro aspetti ideativi e simbolici piuttosto che economici e materiali. Ciò fa sì che, nell’ampio spettro di discipline accademiche che riguardano la teoria organizzativa, questo elaborato, anche se vede contributi da diverse discipline sociologiche, sia maggiormente caratterizzato dalla psicologia sociale. E’ principalmente infatti grazie ad una impostazione di tipo psicosociale che le organizzazioni possono essere concepite come flussi di esperienza, nei quali tutto ciò che siamo abitualmente portati a pensare come delle realtà oggettive esterne a noi non hanno una realtà se non all’interno dell’esperienza dei soggetti partecipanti. Non

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Antonio Petrucci Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4502 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.