Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mondo del lavoro per i sordi. Ricerca sui sordi e il loro inserimento nel mondo del lavoro.

Questa tesi si propone come obiettivo quello di condurre una ricerca qualitati e descrittiva sulla situazione delle persone sorde nel mondo del lavoro. Come base teorica è usato il concetto delle 'rappresentazioni sociali'. Ognuno di noi fa parte di un gruppo sociale: donna, uomo, giovane, anziano, meridonale settentrionale...
L'appartenenza a questi gruppi comporta delle differenze nel rapportarsi con la società alla quale apparteniamo. L'idea di questo progetto nasce proprio da queste affermazioni e dalla volontà di avvicinare il nostro interesse alla realtà dei sordi e alla loro immagine del mondo del lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Ognuno di noi fa parte di un 'gruppo sociale': donna, uomo, giovane, anziano, meridionale, settentrionale, italiano, ecc... L‟appartenenza a questi gruppi comporta delle differenze nel rapportarsi con la società alla quale apparteniamo. Queste considerazioni sono state il risultato di numerose ricerche in vari ambiti di studio. L‟idea di questo progetto nasce proprio da queste affermazioni e dalla volontà di avvicinare il nostro interesse alla realtà dei Sordi e alla loro immagine del mondo del lavoro. Tra le varie teorie e i vari concetti a fondamento della veridicità delle considerazioni iniziali, abbiamo scelto la teoria delle „Rappresentazioni sociali„ come base teorica per il nostro lavoro. Lo scopo di questa tesi è quindi quello di condurre una ricerca conoscitiva e descrittiva delle rappresentazioni che i sordi hanno del mondo del lavoro, in Italia ai giorni nostri. Nello specifico abbiamo deciso di seguire la prospettiva del coniatore del termine „Rappresentazioni sociali„, ovvero S. Moscovici. Secondo questo autore le “rappresentazioni sociali devono essere studiate articolandone gli elementi affettivi, mentali e sociali e integrando, accanto alla cognizione, la considerazione dei rapporti sociali, che determinano le Rappresentazioni Sociali e la realtà materiale, sociale e ideale sulle quali le Rappresentazioni 1 sono intervenute”. Nell‟intento di seguire quest‟ottica, abbiamo ritenuto opportuno iniziare con un capitolo dedicato a una breve introduzione al concetto di Sordità: verranno accennati aspetti come il linguaggio e la comunicazione. Ci soffermeremo sui rapporti sociali dei Sordi con la società e in particolare con il mondo del lavoro e sulle strutture statali e private che si occupano della loro integrazione. Parleremo delle norme legislative che tutelano i diritti delle persone diversamente abili e descriveremo le procedure per il loro inserimento 1 Jodelet D.(1992) Le rappresentazioni sociali.. Napoli : Liquori Editore Pag. 53 I

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Carla Mazzolini Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2581 click dal 27/01/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.