Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal Trentino all'Argentina. Racconti di vite emigrate

Studio di caso sull'emigrazione trentina del Secondo Dopoguerra in Argentina, con metodologia di tipo qualitativo, nel particolare usando l'intrevista biografica ai fini della raccolta di 21 racconti di vita tra Buenos Aires e San Nicolàs de los Arroyos.
Sono state studiate le dimensioni della mobilità, ossia la scelta della partenza: fattori espulsivi e attrattivi, durata del progetto migratorio, proprietà della scelta; la dimensione dell'inserimento nella società d'arrivo: il lavoro e la casa come pratiche sociali di inserimento; la dimensione della conservazione e ridefinizione dell'identità etnica: la famiglia e le associazioni a base etnica.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’Argentina era una parola … un altro mondo un sogno, una cosa quasi inverosimile no? […] Mi ricordo, in fondo alle scale, tutte piangendo: “Ma dai C. non andare”, ma cosa si fa? “Ma dai che l’America” … Abbiam messo piede sulla nave … 24 giorni dei quali 9 cielo e mare, nient’altro non si vedeva nient’altro. Lì mi son resa conto che sarebbe stata una cosa impossibile ritornare C.O. Il lavoro qui presentato si propone di analizzare una parte del fenomeno migratorio trentino in Argentina, si tratta infatti di uno studio di caso incentrato sui trentini emigrati nel Secondo Dopoguerra, nelle zone di Buenos Aires e San Nicolás de los Arroyos. Attraverso l’uso dell’approccio biografico e, nello specifico, attraverso l’analisi di ventuno racconti di vita, raccolti a Buenos Aires e San Nicolás de los Arroyos, ho cercato di far luce sui vari aspetti che connotano l’esperienza di emigrazione: la questione della scelta migratoria, gli aspetti riguardanti l’inserimento nella nuova società ed i temi della conservazione e ridefinizione della identità del migrante. La scelta del metodo, di tipo qualitativo, è derivata dall’obiettivo iniziale prepostami quando ho dato vita al progetto destinato a diventare la mia tesi di laurea: capire i significati assegnati dai migranti alla loro stessa esperienza di emigrazione. Con l’uso dell’intervista biografica ho cercato di avvicinarmi alla loro prospettiva, di capirne le motivazioni, di coglierne le categorie mentali, le percezioni, i sentimenti e le interpretazioni, che essi stessi hanno dato e danno alla propria esperienza. D’altronde chi, meglio di colui o colei che l’ha vissuta, può spiegarci cosa significa emigrare e come viene vissuto il rapporto con le proprie origini e con la terra di accoglienza? Rispetto alla scelta del tema trattato, vediamo che il fenomeno migratorio trentino in Argentina è, in termini temporali, il flusso migratorio più esteso della regione. 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Veronica Pancheri Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1542 click dal 28/06/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.