Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal sabato protologico al sabato escatologico. La polemica sul sabato tra Giustino e Trifone nel Dialogo con Trifone

La tesi presenta la tematica del culto sabbatico nel Dialogo con Trifone di Giustino martire, in relazione al piano divino della salvezza. Partendo da una contestualizzazione storica della vita e delle opere di Giustino, la tesi passa a delineare il progressivo estrinsecarsi nel Dialogo con Trifone di una ben precisa economia salvifica concernente la teologia sabbatica. Tramite il metodo deduttivo e comparativo vengono illustrati i tratti fondamentali della concezione sabbatica di Giustino, mettendo in luce, da un lato, il rapporto tra la nozione di culto sabbatico e il piano salvifico di Dio e, dall'altro lato, il confronto tra la nozione di culto sabbatico e le relative concezioni filosofiche e medio-giudaiche dell'epoca.
Il lavoro si articola in cinque capitoli secondo un itinerario che, partendo dal contesto storico della vita e delle opere di Giustino (primo capitolo) e dalla nozione di culto sabbatico in relazione, da una parte alla dimensione atemporale dell'antica economia della salvezza e, dall'altra, alla dimensione temporale della stessa (secondo capitolo), giunge ad illustrare la posizione di Giustino sul sabato, non solo nella nuova economia della salvezza, con particolare attenzione alla polemica contro l'osservanza legalistica dei precetti sabbatici e al contesto storico-pasquale del “grande sabato” (terzo capitolo), ma anche nel contesto millenario (quarto capitolo) e in quello escatologico (quinto capitolo), entrambi scaturiti dal compimento definitivo della nuova economia della salvezza. Lo scopo di questa articolazione è quello di offrire uno studio storico e teologico-sistematico, che non rimanga fine a se stesso, ma che sia un valido strumento in ordine alle prospettive presenti odierne e future.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE mm Il presente studio intende esaminare gli aspetti polemici sulla teologia del sabato nel Dialogo con Trifone. A tal fine si individueranno i punti fondamentali della concezione sabbatica di Giustino nel Dialogo con Trifone e si metteranno in luce il suo confronto con le posizioni filosofico-greche coeve al Dialogo e la sua polemica con la concezione sabbatica degli altri sistemi medio-giudaici dell‟epoca. In sostanza questo studio si prefigge di enucleare, all‟interno del Dialogo con Trifone, il senso peculiare del sabato: la trattazione avrà come oggetto la teologia sabbatica di Giustino a partire dalla dimensione atemporale del piano divino della salvezza dove il sabato affonda le sue radici, prolungandosi in un‟ascesa progressiva fino alla dimensione escatologica del piano divino della salvezza. mm1. Motivo della ricerca mm Prima di addentrarci nella presente ricerca, che ha per oggetto lo studio del sabato nel Dialogo con Trifone di Giustino martire, riteniamo opportuno esporre il motivo, per cui abbiamo intrapreso questo studio. Il motivo che spinge a rivolgere una particolare attenzione alla polemica antigiudaica nella prima metà del II secolo d. C1., polemica che si 1 Per polemica antigiudaica si intende la polemica nei confronti del giudaismo rabbinico perché con la distruzione del tempio di Gerusalemme avvenuta nel 70 d. C. la Torah fu studiata ed attualizzata esclusivamente dai rabbini che erano considerati i maestri per eccellenza. La loro produzione letteraria cominciò ad avere una fissazione scritta a partire dal secondo secolo d. C., di conseguenza tale periodo viene denominato “giudaismo rabbinico”, in linea con quanto afferma G. BOCCACCINI, Il medio-giudaismo, Genova 1993, pp. 42-47. Per una panoramica del giudaismo rabbinico: J. BOWKER, The Targums and Rabbinic Literature, Cambridge 1969; J. Z. LAUTERBACH, Rabbinic Essays, New York 1973; J. NEUSNER, Early Rabbinic Judaism, Leiden 1975; G. W. E. NICKELSBURG, Jewish Literature between the Bible and the Mishnah, Philadelphia 1981; C. THOMA, Teologia cristiana dell'ebraismo, Casale Monferrato 1983; R. PENNA, L'ambiente storico-culturale delle origini cristiane, Bologna 1984; M. SIMON - A. BÉNOIT, Giudaismo e cristianesimo, Roma - Bari 1985; S. J. D. COHEN, From the Maccabees to the Mishnah, Philadelphia 1987; E. SCHÜRER, Storia del popolo giudaico al tempo di Gesù Cristo, (175 a.C. - 135 d.C.), a cura di B. CHIESA, vol. II, Brescia 1987; J. NEUSNER, Wrong Ways and right Ways in the Study of Formative Judaism, Atlanta - Georgia 1988; J. NEUSNER, Il giudaismo nei primi secoli del cristianesimo, Brescia 1989; A. PAUL, Il giudaismo 5

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Teologia dogmatica

Autore: Cinzia Randazzo Contatta »

Composta da 222 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 702 click dal 03/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.