Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

“Genitori sempre”. Sostenere la genitorialità per prevenire gli effetti della separazione sui figli con la mediazione familiare

La recente normativa in materia di separazione e affidamento condiviso dei figli, approvata con la legge 54 del 2006 ( in partic. Art. 155 – sexies), introduce nel percorso della separazione coniugale la possibilità di avvalersi, volontariamente e dietro suggerimento del giudice, di una mediazione per raggiungere un accordo che tuteli in modo particolare l’interesse morale e materiale dei figli.
La separazione, nonostante indichi una divisione quasi matematica o una scissione, non è frutto della razionalità ma un complesso processo emotivo – affettivo che coinvolge non solo la coppia, ma in maniera inevitabile anche i figli.La mediazione familiare è un processo a cui la coppia partecipa volontariamente per “separarsi bene", per garantire il principio di bigenitorialità ad entrambi i coniugi e per prevenire effetti psicologicamente ed emotivamente rischiosi che potrebbero ripercuotersi sulla crescita dei "figli della separazione"

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - Introduzione Ho voluto iniziare questa tesi in una maniera insolita! L’immagine del quadro di Henry Matisse, Conversation custodito al Museo Hermitage di San Pietroburgo, trovata casualmente su internet, mi ha fortemente emozionato. Sia perché lo avevo visto da vicino in occasione del mio viaggio di nozze, sia perché mi sembra di vedere in esso la necessità di una mediazione. Lo osservo attentamente. Saranno marito e moglie, ma la loro non sembra una conversazione molto felice! Lei è seduta con la schiena rigidamente appoggiata alla sedia, le gambe sono chiuse come la comunicazione tra loro, lui è in piedi quasi in atteggiamento di superiorità, con le mani in tasca ed il corpo teso. La stanza è buia, ma i colori vivaci del giardino oltre la finestra sembrano “mediare” la coppia. Ecco come immagino la mediazione familiare

Tesi di Master

Autore: Mariagrazia Tripodo Contatta »

Composta da 34 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5746 click dal 09/02/2011.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.