Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratterizzazione meccanica e microstrutturale di pistoni forgiati in lega di alluminio

Della lega 2618, utilizzata per la realizzazione di pistoni Ducati, sono stati studiati la risposta all’invecchiamento, il comportamento meccanico e le sue caratteristiche microstrutturali. Per fare ciò sono state eseguite prove di durezza, prove di trazione e osservazioni ai microscopi ottico ed elettronico in scansione.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Capitolo primo – Leghe di Alluminio e tecniche per la loro analisi 1.1. Leghe di alluminio L’alluminio è il tredicesimo elemento della tavola periodica. Le sue proprietà di densità e modulo elastico sono circa un terzo di quelle dell’acciaio: rispettivamente 2,7 kg m -3 e 70 GPa. Ciò rende l’alluminio paragonabile all’acciaio nelle applicazioni. Presenta ottime conducibilità termica ed elettrica e resistenza a corrosione. La sua temperatura di fusione è 660°C. La struttura cristallina a temperatura ambiente è quella cubica a facce centrate, rendendo così il materiale estremamente duttile. L’alluminio può essere primario, ovvero prodotto a partire dal minerale (Bauxite) con un grande apporto di energia (26 kWh kg Al -1 ), oppure secondario, cioè riciclato dall’alluminio primario con la sola spesa di energia per la rifusione (0,7 kWh kg Al -1 ). Il grande apporto di energia necessaria alla produzione di nuovo materiale rende il costo dell’alluminio fortemente dipendente dal costo dell’energia. I limiti più forti dell’alluminio sono:  Scarsa saldabilità;  Assenza di limite di fatica;  Bassa resistenza al creep;  Riduzione delle proprietà meccaniche già a temperature dell’ordine dei 200°C. La scarsa saldabilità è dovuta all’elevata conducibilità termica: la saldatura localizzata risulta impossibile da realizzare. La bassa resistenza al creep e la caduta di proprietà meccaniche già a 200°C sono imputabili alla bassa temperatura di fusione. Le leghe di alluminio si dividono in due categorie:  Leghe da fonderia,  Leghe da deformazione plastica. La lega, a seconda degli elementi presenti, può essere trattabile termicamente o meno.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alberto Lusetti Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 599 click dal 09/02/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.