Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strumenti di prevenzione del fallimento e profili penali

Nel presente lavoro è stata fatta un’analisi delle principali modifiche apportate agli strumenti di prevenzione del fallimento, quali il concordato preventivo e gli accordi di ristrutturazione, dalla riforma fallimentare – a partire dal d.lgs. 80/2005 fino ad arrivare al decreto correttivo del 2007 – ed i problemi a questa connessi e rimasti ancora aperti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La legge fallimentare del 1942 prevedeva due procedure diverse dal fallimento: l’amministrazione controllata ed il concordato preventivo. La prima era destinata alle imprese che si trovavano in una situazione di temporanea difficoltà ad adempiere ai propri debiti e per le quali sussistevano possibilità di risanamento. Il concordato, invece, era lo strumento a disposizione dell’imprenditore insolvente per evitare il fallimento, salvo che questi possedesse i necessari requisiti soggettivi e fosse considerato meritevole di accedere a tale procedura. Con il passare del tempo si è percepita però l’esigenza di apportare un’incisiva riforma al sistema normativo concorsuale non soltanto in relazione alle nuove prospettive imprenditoriali che si sono delineate in un mercato produttivo globale, ma anche avendo riguardo alla necessità di assimilare le nostre regole a quelle degli altri Paesi della Comunità europea. Le ragioni di una riforma della legge fallimentare sono, quindi, diverse: l’evoluzione della Comunità europea, la necessità di un allineamento del nostro ordinamento alle legislazioni degli altri Paesi, l’eccesiva durata dei nostri procedimenti, l’opportunità che il rimedio della crisi imprenditoriale operasse speditamente. Si è posta, inoltre, una nuova concezione del fallimento, non più considerato come una sanzione per l’imprenditore fraudolento o colpevole del dissesto, ma come un rimedio per determinare la liquidazione dell’impresa nel modo meno traumatico alla quale era opportuno affiancare altre soluzioni

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Lorenzini Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 469 click dal 10/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.