Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Traduzione dell'opera teatrale "Jeans Generation" di Nikolaj Chalezin

Largamente autobiografica, l'opera, raccontata sotto forma di un monologo informale, affonda le sue radici nell'infanzia dell'autore, all'epoca del regime sovietico: un passato da piccolo contrabbandiere di buste di cellofan, ma soprattutto di jeans e dischi in vinile importati dall'occidente, che circolavano “sottobanco” in quanto simbolo dell'imperialismo occidentale. Simboli di opposizione pacifica al regime comunista, “i jeans erano per [loro] simbolo di libertà, una libertà accessibile". Tratteggiando con divertita ironia la sua infanzia a Minsk, dove l'Occidente è solo un miraggio in lontananza, il quadro muta considerevolmente, assumendo toni drammatici, claustrofobici e malinconici. Da una fase di innocente spensieratezza infantile, il testo ci catapulta in una realtà attuale, cruda, dove ogni desiderio o aspirazione a principi democratici vengono perennemente castrati e messi a tacere. Entriamo nella seconda fase del racconto che potremmo chiamare, citando le parole dello stesso Chalezin: “Benvenuti nell'ultima dittatura d'Europa”. La complessa e intricata trama in cui prende vita la "Jeans Generation" di Chalezin è il riflesso di tutta una situazione politicamente e socialmente tesa in Bielorussia, ed è proprio in questo clima di disagio sociale che prende forma il "suo" Free Belarus Theatre. Fondato nel 2005 a Minsk, grazie alla collaborazione di tre voci portanti del dissenso politico bielorusso (Nikolaj Chalezin, Natal'ja Koljada e Vladimir Ščerban), questo teatro nasce dal desiderio di dare voce a tutta una serie di disagi sociali troppo spesso messi a tacere. Questo suo carattere provocatorio e di cruda messa in scena di una realtà devastata e costretta a tacere fa del Free Belarus Theatre un teatro illegale nel proprio paese. Non ha una fonte di guadagno fissa; i luoghi delle rappresentazioni sono improvvisati e sempre diversi per evitare di essere rintracciati dalla poliziae e per evitare irruzioni da parte di essa durante le rappresentazioni. Schedata, controllata e censurata la troupe del Free Belarus Theatre non si arrende: il suo motto è la RESISTENZA. E' un teatro di necessità, di dirompente desiderio di espressione, un teatro inteso come unica forma di lotta, pacifica e democratica, rimasta per la libertà di parola e per la circolazione delle idee.
La fortuna dell'opera è determinata dal suo contesto. Balzano subito agli occhi una serie di riferimenti extra testuali che fanno da cornice e da sfondo all'opera, stimolando l'interesse ed il coinvolgimento attivo del lettore-spettatore. Si tratta di una tesi di traduzione dal russo all'italiano dove il linguaggio è il centro dell'opera: ha un suo specifico linguaggio generazionale, dove si alternano espressioni idiomatiche di vario tipo, quali slang giovanile, gergo carcerario e generazionale, lessico dispregiativo e volgare.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La scelta dell'opera non è stata del tutto casuale; mi ero prefissata di trovare un testo teatrale, in lingua russa, che inquadrasse precise tematiche: ribellione ed avversione ad una situazione di oppressione da una “dittatura”; che si focalizzasse su una determinata fascia generazionale e che desse voce, tramite la lingua, ad un preciso gruppo di individui cresciuti nell'ex Unione sovietica. Ed ecco che, per caso, mi imbatto in questa Jeans Generation, e sottolineo “per caso”, che già dal titolo catturò la mia attenzione. Inoltre mi si era presentato un testo inedito, quasi una fortuna direi, e allora, con “consapevole ignoranza” del contesto storico-culturale e linguistico, ho iniziato la mia opera di traduzione, conscia delle difficoltà inerenti quello specifico linguaggio, dove si alternano espressioni idiomatiche di vario tipo, quali slang giovanile, gergo carcerario e generazionale, lessico dispregiativo e volgare. Non ero mai entrata in contatto con questa realtà, ignorandone completamente la sua attuale ed intricata situazione politica, da cui emergono il Free Belarus Theatre e l'autore Nikolaj Chalezin, perciò mi era sembrata una buona occasione per immergermi in un nuovo avventuroso rischio. La vera sorpresa non è stata l'opera in sé, che nel complesso è interessante ed originale per le tematiche affrontate, sebbene, a una prima lettura superficiale, si presenta abbastanza scarna, ingenua stilisticamente e tendente ad una “letteratura di consumo”, perché ricca di contenuti ma “povera” nelle sue argomentazioni. La fortuna dell'opera è determinata dal suo contesto. Infatti, spogliandola dopo ripetute letture e avventurandomi nella trama sono riuscita a ricucire, in parte, tutta una situazione che, per quanto desolante, appare molto intrigante. Mi sono balzati agli occhi una serie di riferimenti extra testuali che fanno da cornice e da sfondo all'opera, che stimolano l'interesse ed il coinvolgimento attivo del lettore-spettatore, e che hanno attirato sicuramente anche la mia attenzione. 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umanistiche

Autore: Samantha Camozzi Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 590 click dal 17/02/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.